Il segreto per non mescolare il Risotto

Pubblicato in Ricette ›› Ricette Salate il: 26 dicembre 2013

Se non si è presi dall’ansia del “stasera cosa preparo?” la cucina è un luogo rilassante.

L’anno scorso Nigella Lawson, durante l’intervista che le ho fatto per Myself,  mi diceva quanto la rilassi stare in cucina a preparare il risotto e girare, girare… fra me e me sorridevo pensando che non ne aveva parlato con lo chef Marco Stabile e nemmeno con Gabriele Ferron che il risotto (loro) non lo mescolano!

© Risotto senza mescolare, mantecatura finale

Ma perché privare Nigella di un momento così piacevole? Così non le ho detto nulla… ma a voi sì, sono 3 regole semplicissime:

  1. tostate il riso (carnaroli o vialone nano o arborio) in poco olio evo (2 cucchiai sono sufficienti per 400 g)
  2. aggiungete il doppio del suo volume di brodo bollente (io peso il riso crudo in una brocca graduata, guardo dove arriva il riso e poi la utilizzo per misurare il brodo), girate e lasciate sobbollire per una decina di minuti senza mescolare più. se dovete aggiungere altri ingredienti fatelo subito o a metà cottura, a seconda del tempo necessario per cuocerli.
  3. quando il riso è al dente mantecate con burro (o ancora olio evo se preferite) e formaggio

Vi assicuro che funziona perfettamente ed è anche molto pratico, in cucina c’è sempre qualcosa da fare in quei dieci minuti!

©Foto mia

per chi vuole approfondire:

il mio post su Nigella Lawson

Myself

la ricetta del Risotto al pane, burro e alici di Marco Stabile

Continua a leggere

Tag

Lascia un commento