La Ménagère a Firenze, emozioni e fiori al ristorante

Pubblicato in Ristoranti e Locali il: 16 febbraio 2017

La Ménagère è un posto particolare, un concept-restaurant nel centro di Firenze dove puoi anche fare una sorpresa floreale a chi vuoi bene.

Come? Con un Love Bouquet.

il dehors davanti all'ingresso de La Ménagère | ©foto Strutturafine

La Ménagère - Via de’ Ginori, 8R – Firenze – tel. +39 055 0750600  - aperto tutti i giorni dalle 7:00 alle 2:00
Artemisia Flower Shop - tel. +39 055 0515946 – aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 22:30

la sala di ingresso de La Ménagère, con la vendita di oggetti per la casa, il corner dei fiori di Artemisia e in fondo la sala da pranzo del ristorante | ©foto Strutturafine

Da fine ‘800 per un paio di secoli La Ménagère è stato un negozio di casalinghi molto frequentato dai fiorentini. E’ un po’ rinato l’anno scorso quando ha aperto questo nuovo ristorante e bistrot (con 90+90 coperti) che ha recuperato insieme al nome anche tracce del suo passato: proprio all’ingresso, su un tavolone da sartoria che costeggia il muro di separazione dal bistrot, sono in vendita oggetti per la mise en place, esposti anche sulle scaffalature appoggiate alla parete di fronte.

Più avanti sulla sinistra c’è Artemisia, un chiosco di fiori indoor dove Ilaria Minniti, la titolare, crea bouquet che avvolge in fogli di carta naturale (ricorda quella da pacco ma ha la particolarità di essere idrorepellente) e lega con nastri o – come le piace di più – con lo spago.

La Ménagère, la sala del ristorante con le orchidee vanda appese al soffitto e sulla destra la sala col tavolo sociale di 20 metri | ©foto Sandra Longinotti

Subito dopo si sale lo scalino che segna l’inizio della prima sala del ristorante, ricavata nel cavedio coperto da un soffitto in vetro da cui pendono le luci insieme a leggerissime orchidee vanda, coi grandi fiori dai toni decisi e le eleganti radici aeree. Più avanti la cucina a vista resta dietro a una grande vetrata ma prima, nascosto da una parete, c’è un bel tavolo privé. E’ separato dal suo quasi gemello, il tavolo dello chef, che si vede al di là della vetrata e resta proprio dentro la cucina, di fronte alla brigata al lavoro.

la Cucina de La Ménagère col Tavolo dello Chef | ©foto Sandra Longinotti

Un’altra sala, parallela all’ingresso, fa parte del ristorante e ospita 20 metri di tavolo sociale, mentre la sala speculare all’ingresso ospita il bistrot, aperto già dalle sette del mattino per la colazione.

Tavolini al Bistrò de La Ménagère | ©foto Sandra Longinotti

In fondo, le scale portano a un secondo bar e alla saletta sottostante, dove dal giovedì alla domenica si ascolta live jazz in compagnia di un buon cocktail (abbinamento che mi fa ripensare alla Storia del Cocktail).

Nei suoi 1500 mq La Ménagère ha saputo creare una gradevole atmosfera bohémienne urbana, con arredi vintage mixati a pezzi di recupero e su misura, in sintonia con capitelli e muri scrostati, abbinati all’essenzialità di linee pulite, come quelle di KnIndustrie che si ritrova nelle scelte di mise en place ma anche in bagno, con le belle casseruole Eat Big trasformate in lavandini.

La Ménagère, Vitello tonnato, capperi caramellati, sedano croccante con salsa al lime | ©foto Strutturafine

Al ristorante il servizio in sala è giovane, disinvolto ma preparato, e gentilissimo come del resto tutto il personale qui. Dalla cucina escono pasta fresca e gnocchi fatti in casa, qualche piatto vegetariano, pesce e carne (da provare la Guancia di manzo su crema di patate e mandorle tostate), piatti dall’impostazione attuale, spesso rivisitazioni della cucina tradizionale, con una chiara definizione degli ingredienti e abbinamenti gustativi a volte inaspettatamente tendenti al dolce, con profumi netti.

La Ménagère, Spaghetto homemade, alici, agrumi e pane croccante | ©foto Sandra Longinotti

Profumi che non vengono mai prevaricati da quelli dei fiori. Già, perché a La Ménagère i fiori sono ovunque, e puoi farne aggiungere altri a tavola, ad esempio chiedendo a Ilaria di prepararti un Love Bouquet per la persona che ami.

Ilaria Minniti, titolare di Artemisia, prepara un Love Bouquet | ©foto Sandra Longinotti

i Love Bouquet di Ilaria

Mi spiego meglio: Ilaria, l’anima di Artemisia (il corner di fiori all’interno de La Ménagère), diventa tua complice. E’ lei, che seguendo i tuoi desideri, prepara il bellissimo Love Bouquet che troverete a tavola al vostro arrivo al ristorante. Quello che succede in quel momento è davvero emozionante, sono stata testimone casuale a una di queste sorprese e mi sono quasi commossa…

La Ménagère, un tavolo della sala con un Love Bouquet di Artemisia | ©foto Sandra Longinotti

Ci sono tanti modi per regalare un Love Bouquet, oltre a farlo trovare sul tavolo per esempio può essere consegnato a tavola “di solito col dolce, quando chi lo riceve proprio non se l’aspetta ed è di grande effetto” mi racconta Ilaria “ma capitano anche delle situazioni diverse, a volte le richieste sono last minute, quando per esempio lei si alza per andare in bagno e lui corre da me per mettersi d’accordo” oppure si creano delle vere e proprie scenette dove Ilaria viene coinvolta per creare una situazione “una volta un ragazzo mi ha fatto preparare un bouquet da tenere sul mio piano di lavoro, poi con la scusa di farle un selfie con lo sfondo dei fiori ha portato qui la fidanzata e le ha detto di prendere il bouquet per fare la foto, solo dopo lo scatto lei ha capito che era suo”.

un Love Bouquet fermato con lo spago e un'etichetta stampata con un timbro | ©foto Sandra Longinotti

I fiori più richiesti per i Love Bouquet?

“Spesso rose, per questo ho selezionato le varietà più belle, in più noi facciamo anche cose particolari, molto naturali e non costruite. Cerco sempre di indirizzare i clienti verso composizioni creative, con bacche, gerbere, ranuncoli, tulipani e fiori più rustici… mi piace usare le cortecce, i rami e recuperare tutto quello che posso, nei centrotavola ad esempio uso spesso le foglie di orchidea per rivestire la spugna dove si inseriscono i fiori”.

Ilaria Minniti di Artemisia sceglie i fiori per un bouquet, La Ménagère - Firenze | ©foto Sandra

Tre fiori di grande effetto per una dichiarazione d’amore

L’ho chiesto a Ilaria, che ha preparato al momento un Love Bouquet con un tulipano Pretty Love rosa intenso che si apre a forma di giglio, una Protea Mini King Autumn e un anemone Mistral rosso.

Tre fiori di grande effetto per un Love Bouquet: tulipano Pretty Love, Protea Mini King Autumn e anemone Mistral rosso | ©foto Sandra Longinotti

La Ménagère – prezzi medi al ristorante: antipasti  € 13,00 – primi  € 16,00 – secondi € 23,00 – dolci  € 10,00 – Menu Degustazione (4 portate) € 55,00 – coperto free

Artemisia – prezzi medi Love Bouquet: i love bouquet possono avere grandezze diverse – dal mini fino al deluxe –  si parte da € 25 per il mini

——

©Foto mie e di Strutturafine

un po' di corda legata ai manici del sacchetto e il love-bouquet diventa prêt-à-porter | ©foto Strutturafine

Continua a leggere

Tag

Lascia un commento