il Gufo, la Scimmia e il Pulcino #Pasqua2012

Uova di Pasqua La Molina

A La Molina le idee non mancano mai, per la Pasqua di quest’anno sono di scena il Gufo, la Scimmia e il Pulcino (il mio preferito, bello ciccione…) tutti molto minimali e fatti a mano con cioccolato fondente 60% o al latte 36% e decorate con cioccolato bianco (peso totale 450 gr). Dentro non la classica sorpresa ma tanti cioccolatini, ogni uovo è protetto in una scatola di legno che ne riporta la sagoma sul coperchio, e che poi resta (e piace anche ai grandi).

Le sorprese non sono finite, c’è un altro “uovo in scatola” L’Uovo: un guscio a 3 strati (praticamente una crema di gianduia scura al 45% fatta con nocciole Piemonte IGP imprigionata in due lamine di cioccolato fondente al 70% – peso totale 1,8 kg) dentro una sorpresa d’argento di Brandimarte e chi è di Firenze sa di cosa parlo… e come “ciliegina sulla scatola di legno” un disegno del’artista Riccardo Fattori.

—-

DOVE SI TROVA: La Molina

PIESSE: Già che ci siete provate la Colomba artigianale La Molina ricoperta con 200 gr di fondente al 70%,
preparata con uova sgusciate a mano, lievito madre e scorze d’arance calabresi candite artigianalmente.

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Killer dov’era il Plastic. Da disco a ristorante cocktail bar. A Milano.

C’era una volta il Plastic. Coda permanente e selezione inflessibile all’ingresso, punk music assordante, luci psichedeliche e sempre così pieno che spesso restava solo il pavimento per sedersi a bere qualcosa. Lo chiamavamo tutti Plastic ma il suo vero nome era Killer Plastic. Poi sette anni fa la discoteca si è trasferita, e quei locali […]

Scopri di più

Il Risotto al Pomodoro dei Costardi Bros e il cucchiaio Gio Ponti

Almeno ogni vent’anni bisognerebbe rivedere alcune regole di Bon Ton. Marchesi sdoganò la scarpetta rendendola elegante, Cedroni e Bottura  introdussero show cooking che finivano col leccarsi le dita… “chessarà” quindi mangiare il risotto col cucchiaio?  Da tempo solo un piacere. Lo sanno bene Christian e Manuel Costardi, che agli eventi ti mettono in mano un barattolo […]

Scopri di più

x