Editoria e Giornalismo


Ho imparato ad amare le immagini dei grandi fotografi lavorando nella Moda, poi ho deciso di occuparmi di cibo, la mia vera passione fin da piccola. Dal 1992 ho scritto e pubblicato migliaia di ricette e articoli food & beverage, sono diventata food stylist e giornalista.

Ho sempre scelto di collaborare con le migliori testate, in linea col mio pensiero di pubblicare contenuti di qualità:  D la Repubblica, Grazia, Elle Italia, Vanity Fair, Anna in Cucina, Gardenia, MySelf, l’Uomo Vogue, l’Espresso, Sale&Pepe, CasaFacile, Flair, La Cucina Italiana.

editoria e giornalismo - una immagine delle testate con cui collaboro - Sandra Longinotti
Con uno dei maestri della fotografia food italiana, Marino Visigalli, ho realizzato due libri pubblicati da Nomos Edizioni, “Peperoncini 32+1 varietà da scoprire” un monografico sul peperoncino, la sua storia, caratteristiche e coltivazione, con ricette abbinate ai diversi gradi di piccantezza, e “Home Kitchen Garden” sulla coltivazione in vaso di 14 piante dai fiori eduli che ho scelto fra orticole, floreali e spontanee, con ricette e idee per il loro utilizzo in cucina e nel lifestyle urbano di tutti i giorni.

Food Styling e Ricette

Gli anni passati nella moda hanno lasciato sicuramente una traccia che mi ha poi portato ad avere un’impostazione molto personale e diversa da quello che era il food styling negli anni ’90. La mia mano minimale ma naturale, la scelta di forme, gusti e abbinamenti cromatici, gli equilibri sono diventati da subito il mio stile.

L’amore per la fotografia, la ricerca e l’innovazione mi ha sempre spinta a mettermi in discussione, non accontentarmi dei risultati e guardare sempre avanti per cercare sempre di fare meglio.
food styling - un'immagine delle mie collaborazioni con le migliori testate italiane - Sandra Longinotti
In realtà ho iniziato a occuparmi di cibo proprio come food stylist, e ho avuto la fortuna di partire subito con Elle Italia e Sale&Pepe.

Una bella responsabilità, e all’inizio non è stato proprio facilissimo :) ma l’altra fortuna è stata di poter lavorare con i migliori fotografi di food italiani: Marino Visigalli (Studio Adna, il mio maestro), Paolo Nobile, Luca Colombo, Giandomenico Frassi, Silvia Badalotti, Francesca Moscheni, Giacomo Giannini, Michele Tabozzi, Stefania Giorgi.

Anche da giornalista non ho mai abbandonato il food styling, perchè sono convinta che ci sia una differenza sostanziale, in termini di valore aggiunto, tra chi scrive di cibo e non lo pratica e chi invece sa anche metterci le mani.

Food & Beverage

Online e Social Media

Resumé

Ho iniziato a lavorare nella moda nel periodo più glam, in quegli anni ’80-’90 fatti di crescita, eleganza, a volte eccessi finalizzati al risultato, dove tutto si poteva realizzare e se non andava bene veniva rifatto. La mia prima palestra è stata l’ufficio redazionale di Vogue Germania dove ho imparato ad amare la fotografia, poi il salto dall’altro lato della barricata, a condurre l’ufficio stampa di Romeo Gigli che allora era uno stilista emergente. Dalle morbidezze adolescenziali, la poesia, le sfocature e i toni pastello di Romeo sono passata ai forti contrasti cromatici, il lusso, le geometrie e il rigore di Gianfranco Ferré, “l’architetto della moda”.

Infine ho scelto il Food, la strada che avevo sempre desiderato intraprendere e che percorro da 26 anni. Ho collaborato con le più note testate italiane, realizzato servizi di cucina, recensito ristoranti, approfondito trend, trovato prodotti di altissima qualità, scritto food news, il tutto moltiplicato per migliaia di articoli e ricette, queste ultime realizzate in studio come food stylist con i migliori fotografi – Marino Visigalli, Paolo Nobile, Luca Colombo, Giandomenico Frassi, Michele Tabozzi, Francesca Moscheni, Silvia Badalotti, Giacomo Giannini e Stefania Giorgi sono fra i professionisti con cui ho avuto maggior affinità sul set.

Sono autrice dei libri “Peperoncini 32+1 varietà da scoprire” (ottobre 2015) e di “Home Kitchen Garden / Orto in città: botanica, cucina e lifestyle” (maggio 2016), entrambi illustrati con le bellissime foto di Marino Visigalli ed editi da Nomos Edizioni.

 

Sandra-profilo-head-2

 

Cibo, animali e terra intesa come coltivazione, orto e verde rigenerante. Mi porto dietro queste tre passioni fin da piccola, quando da bambina milanese passavo parte delle vacanze nella dimora estiva dei nonni nella campagna toscana. C’erano i profumi del vino e della cantina, con le botti grandi dove il nonno invecchiava il Chianti, e le botticelle di Vinsanto in soffitta dietro ai grandi ingranaggi dell’orologio della facciata. Ricordi d’infanzia che mi porto dentro ed evocano profumi, gusti, sensazioni tattili ed emozioni, che in modo sottile mi accompagnano anche nel mio lavoro.

Amo cucinare da sempre. Per anni ho osservato mia mamma, e quando finivamo di preparare l’impasto di un dolce scoppiava la battaglia coi miei fratelli su chi potesse leccare cosa, con ripartizione di frusta, ciotola e spatola della planetaria (già, era avanti mia mamma).

Tanti bei ricordi che hanno come filo conduttore il cibo, che per me è pieno di fascino e di inesauribile curiosità, ma soprattutto messaggero di affetto e di pensieri sottili, “Le plaisir d’offrir” come era scritto sull’etichetta di un barattolo di miele ai fiori di lavanda acquistato tanti anni fa col mio fidanzato al mercatino di Saint-Remy…

Sandra-profilo-heart-2

Daily News | Food

trend / food news / prodotti / eventi: in poche righe, quello che sta succendo nel mondo del food