Un SerpentOrto ecosostenibile

Pubblicato in Garden Food® ›› Outdoor Design il: 19 gennaio 2011

© SerpentOrto di 13Ricrea

Angela Mensi, Ingrid Taro e Cristina Merlo sono le tre designer ideatrici di 13 ricrea.

Ingrid l’ho conosciuta un paio d’anni fa al Macef grazie a Giulia Marcucci, giornalista e pr fiorentina che cura l’ufficio stampa di diverse realtà toscane particolarmente interessanti del mondo food&beverage, non solo commestibili (per farvi un esempio fra i suoi clienti ci sono Il Borgo del Balsamico ma anche Pampaloni, due marchi che hanno tutto il mio apprezzamento), che in quell’occasione promuoveva Creazioni, uno spazio espositivo nell’ambito del Macef, dove sono raggruppate piccole aziende artigianali di design dalle idee innovative, e che quindi include a pieno merito 13 ricrea.

13 ricrea è un’azienda di eco design che produce mobili e accessori in e outdoor utilizzando materiali che diversamente sarebbero destinati al macero. Attenzione: qui non si parla soltanto di riciclo ma anche e soprattutto di rimanenze industriali (e quindi materiali nuovissimi), che invece di essere sprecati prendono finalmente vita in oggetti ecosostenibili. Io amo moltissimo le loro sedute, dove plastiche industriali dai colori accesi si trasformano in fiori che vestono sedie, panchine, poltrone, puff… ma di questo ne riparleremo.

© SakkOrto di 13Ricrea

Invece in questo post volevo presentarvi SakkOrto e SerpentOrto, morbidi “vasi” ecosostenibili della linea Botanika, realizzati in tessuto non tessuto e venduti con tanto di terriccio ad hoc, un mix di feltro e terra di lombrico (bentornato! da quanto tempo non se ne sentiva più parlare?) più un sacchetto contenente feltro da mettere in fondo ai “vasi” in modo da mantenere l’umidità e prevenire i ristagni d’acqua. Riempiteli di aromatiche e appoggiateli su un tavolo o sul davanzale, ma metteteli pure anche fuori. Se poi le vostre piante hanno bisogno di spazi maggiori, c’è Triangolo con una bella varietà di colori (viola, arancio, verdone, amaranto, fucsia e grigio scuro) mentre SakkOrto e SerpentOrto si trovano solo in verdone. Proprio una bella idea, realizzata insieme a un’altra identità femminile: la giovane agronoma Alessandra Bondi che ha collaborato a questo… progettOrto, mi viene da dire.

© 13 Ricrea - Triangolo

E siccome le donne (per fortuna) non finiscono mai, se avete bisogno di info stampa potete rivolgervi a Mariacristina Bezzi, che si occupa della comunicazione di 13 ricrea, trovate tutti i riferimenti sul sito.

per chi vuole approfondire:
13 ricrea
Creazioni Macef
Giulia Marcucci
Il Borgo del Balsamico
Pampaloni

Continua a leggere

  • Nessun post correlato

Tag

Commenti

  1. 1 25 gennaio 2011 at 13:12
    Permalink

    Bellissime soluzioni…vorrei il serpentOrto nel mio “orto”!!!!!!

  2. 2 25 gennaio 2011 at 19:24
    Permalink

    anch’io, e uno pure in cucina!

Lascia un commento