Questa ricetta alla lavanda è tratta dal mio libro “Home Kitchen Garden” edito da Nomos Edizioni (pubblicato in tedesco da Verlag Anton Pustet col titolo “Kräuterfrisches Kulinarium”), le foto – bellissime, non mi stancherò mai di ripeterlo – sono di Marino Visigalli e il food styling naturalmente è mio.

In Home Kitchen Garden trovi tante ricette e idee su come utilizzare fiori e foglie eduli per rendere più piacevole la tua tavola, e le indicazioni per coltivare in vaso 14 piante che ho scelto  fra orticole, spontanee e ornamentali: hanno cicli di vita diversi così avrai balcone, tavola e piatti fioriti in tutte le stagioni.

Caraffe vintage da vino per portare in tavola Lavanda e fiori di campo, un'idea di lifestyle tratta dal mio libro "Home Kitchen Garden" ©foto Marino Visigalli Nomos Edizioni

La lavanda è una pianta semplice da coltivare, si riproduce facilmente per talea e ha una fioritura lunga, con fiori che possono avere diverse tonalità “lavanda”, essere blu o bianchi e avere forme diverse. E’ una di quelle piante che non dovrebbero mai mancare sul balcone, ci sono anche delle cultivar nane che producono spighe molto lunghe e vivono benissimo in vasi di medie dimensioni. Il suo profumo si abbina a molti piatti, se la utilizzi in cucina scegli la Lavandula angustifolia – altre specie hanno aromi troppo canforati – e porta a tavola le sue bellissime spighe fiorite, in Home Kitchen Garden trovi tante idee di mise en place, come coltivare la lavanda in vaso e altre ricette, anche salate.


Frollini alla lavanda e sesamo - ricetta tratta dal mio libro "Home Kitchen Garden" ©foto Marino Visigalli Nomos Edizioni

Frollini alla lavanda e sesamo

150 g di burro

250 g di farina di farro

60 g di fecola di patate

120 g di zucchero al velo

3 tuorli

1 cucchiaio di fiori di lavanda per uso alimentare

2 cucchiai di semi di sesamo

  1. Trita finemente i fiori di lavanda con lo zucchero e montalo con il burro ammorbidito. Incorpora i tuorli, la farina e la fecola. Forma una palla, avvolgila in pellicola trasparente per alimenti e mettila in frigo per un giorno.
  2. Stendi la pasta frolla allo spessore di circa mezzo centimetro, cospargila di semi di sesamo e ritagliala a quadrati di 4 cm circa per lato.
  3. Cuocili in forno preriscaldato a 180° per 15 minuti circa.

CONSIGLI

Per questi frollini puoi utilizzare anche i fiori essiccati, naturalmente coltivati senza l’uso di pesticidi.

Il giorno di riposo serve all’impasto per frollare (per questo si chiamano frollini), se hai fretta stendi la pasta dopo un’ora, i biscotti saranno comunque buoni.

Se vuoi regalarli, quando sono completamente raffreddati metti i frollini in una scatolina semplicissima con qualche fiore di lavanda essiccato e chiudila con uno spago.

Il mio libro “Home Kitchen Garden”, ©foto Marino Visigalli – Nomos Edizioni

è in vendita in libreria e online su Amazon IBS

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x