Conoscete il Caviale di Lumaca?

Pubblicato in La Spesa ›› Buonissimo il: 15 agosto 2013

Il caviale di lumaca è bianco perla e ha un sapore delicatissimo. Quello della Panus, un’azienda che lo produce in Cile, è disponibile tutto l’anno perché alleva in ambiente protetto a temperatura controllata, così le lumache non vanno in letargo e depogono 4 volte l’anno invece di due come accadrebbe in natura.

lavoro nell'allevamento Panus

La Panus, che nell’idioma locale mapudungun significa morbido, alleva le Helix Aspersa Müller (per intenderci una razza di lumache un po’ più piccole di quelle che i francesi fanno alla bourguignonne), le nutre con farina di mais, di grano, di soia, vitamine e carbonato di calcio, e tre persone (che sembrano uscite da una sala operatoria) si occupano di loro tenendo tutto pulitissimo.

©Allevamento di lumache dell'azienda Panus per la produzione di caviale di lumaca

Ogni lumaca vive da 3 a 6 anni e inizia a deporre a 6 mesi di vita 3-5 gr di uova per volta in nidi di terra sterilizzata naturalmente con la solarizzazione, che con un particolare accorgimento sfrutta le temperature elevate dell’irradiazione solare per eliminare l’eventuale carica batterica.

©l'estrazione delle uova di lumaca dal nido

Dopo averle selezionate, le uova vengono immerse in un’apposita soluzione e quindi confezionate sottovetro al naturale.

©l'estrazione delle uova di lumaca dal nido

Come potete immaginare il caviale di lumaca ha un costo elevato (il vasetto più piccolo da 50 gr  è in vendita sul sito a 150 €), e non essendo pastorizzato né sottovuoto si conserva per 3 mesi in frigo da 0 a 10 gradi.

© Caviale di lumaca Panus

Il suo gusto particolarmente fresco e delicato, dal lieve sapore terreno, lo rende particolarmente indicato in abbinamento al pesce, soprattutto crudo. E che #foodstyling!

©Tartine al salmone e caviale di lumaca

ps- ne ho parlato anche su l’Espresso della settimana scorsa ;)

©Foto Daniel Zabala

per chi vuole approfondire:

Panus

solarizzazione

Helix Aspersa Müller

Continua a leggere

  • Nessun post correlato

Tag

Lascia un commento