Favetta

Pubblicato in Ricette ›› Ricette Regionali_ Le Vostre! il: 5 novembre 2009

è una ricetta della Puglia  -  inviata da: Damiana

per 4 persone

250 g di fave secche decorticate
1 cipolla bianca di medie dimensioni
350 g di cicoria selvatica/tarassaco (o catalogna)
olio extra vergine di oliva
sale pepe

  1. Tenere in ammollo le fave per 12 ore , quindi scolarle e versarle in un tegame di terracotta unto d’olio e affettarvi sopra la cipolla.
  2. Versare acqua per coprire il tutto per almeno 2 cm. Cuocere a fuoco moderato fino a bollitura, eliminare la schiuma bianca che si forma, abbassare al minimo il fuoco e cuocere per 1 ora e 1/2 evitando che attacchi al tegame (eventualmente aggiungere acqua bollente salata)
    quasi al termine della cottura aggiungere sale q.b. (non prima altrimenti la verdura indurisce)Il risultato dovrebbe essere un passato molto grossolano.
  3. Bollire la cicoria per 10 minuti scolare e tenerla in caldo impiattare su un piatto fondo collocando la cicoria sulla base del piatto e un mestolo (o +) di fave guarnita da un giro d’olio e di pepe.

NOTA: Questo è un piatto tipico dell’entroterra della Puglia centrale, costituito da ingredienti economici e reperibili tutto l’anno dal costo ridicolo di 5/6 euro x 4 persone. Si può guarnire (ma ciò esula dalla tradizione) con pane casereccio tostato e/o bocconcini di pancetta cotta in olio bollente e aglio. Solitamente abbino questo piatto con un vino rosato ma corposo come un Cirò rosato doc (cantine Galioppo).

Continua a leggere

Tag

Lascia un commento