live blogging da Taste 2011 – #5 pasta Verrigni-grano Valentini

Taste, B28-30 alt!
Sono allo Stand del Pastificio Verrigni. E c’è una novità: Fusilloro e Spaghettoro (ma non si fermano qui: giovedí prossimo Gaetano e Francesca Verrigni, insieme a un gruppo di esperti, decideranno quali altri formati inserire) oltre alla linea classica adesso sono i capostipiti della nuova selezione di pasta 100% italiana del pastificio, fatta col grano varietà San Carlo coltivato in Italia dall’Az.Agr. Valentini (sí, proprio Francesco Paolo Valentini, autore di vini abruzzesi apprezzatissimi come il Montepulciano d’Abruzzo Cerasuolo 2008, che ha 5 grappoli nella Guida Ais). Per distinguerla dalla trafilatura in oro classica è stato realizzato un apposito packaging dove discreto il tricolore si nota subito e il sospetto è confermato: la nuova linea è un omaggio alla ricorrenza dell’Unità d’Italia, ma sopravviverà all’anniversario per restare anche nei prossimi anni.

© la pasta Verrigni di grano San Carlo di Valentini - Francesca e Gaetano Verrigni
C’è un piccolo ritardo: era tutto pronto per la distribuzione ma le piogge eccessive di qualche settimana fa hanno creato grossi danni a molte strutture, fra cui la tipografia che curava la produzione del nuovo packaging, cosí la pasta sarà in vendita da maggio.
“La definizione made in Italy” mi ha detto Francesca “può essere indicata su prodotti che contengono il 50% di materie prime italiane. Noi concepiamo il made in Italy in un modo diverso, per noi prodotto in Italia vuol dire 100% italiano: il seme, il lavoro, tutto insomma.”

Foto mie

Per chi vuole approfondire:

la pasta trafilata in oro del Pastificio Verrigni

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Il Risotto al Pomodoro dei Costardi Bros e il cucchiaio Gio Ponti

Almeno ogni vent’anni bisognerebbe rivedere alcune regole di Bon Ton. Marchesi sdoganò la scarpetta rendendola elegante, Cedroni e Bottura  introdussero show cooking che finivano col leccarsi le dita… “chessarà” quindi mangiare il risotto col cucchiaio?  Da tempo solo un piacere. Lo sanno bene Christian e Manuel Costardi, che agli eventi ti mettono in mano un barattolo […]

Scopri di più

x