Hiromi Cake
viale Coni Zugna, 52 – Milano  |  aperto tutti i giorni dalle 8:00 alle 22:00

Hiromi Cake è una tipica pasticceria giapponese, identica a quella che potresti trovare in una via di  Tokyo. Invece è a Milano, gemmazione della prima Hiromi Cake aperta a Roma dove ha anche sede il laboratorio: è qui che quattro pasticcere giapponesi preparano Wagashi e Yogashi per entrambe le pasticcerie. Cosa sono? 

Wa significa Giappone, gashi dolci: sono i più antichi dolci tradizionali giapponesi caratterizzati dalla mancanza di zucchero aggiunto, ingrediente sconosciuto fino a inizio ‘900, quando la dolcezza veniva data dai fagioli che hanno una percentuale zuccherina molto alta.

Yo significa estero, straniero, gashi dolci: dolci stranieri. Yogashi sono tutti quei dolci che partono dalla tradizione dolciaria europea e modificati dai giapponesi che li hanno adattati alle proprie esigenze, sia gustative che estetiche, con una forte riduzione dello zucchero e forme diverse da quelle originali, tanto che ormai i giapponesi li considerano dolci tradizionali. Gli yogashi di Hiromi Cake sono tutti di matrice francese.

Dolcetti della pasticceria giapponese Hiromi Cake di Milano | ©foto Sandra Longinotti

Oggi i wagashi, che originariamente erano solo a base di riso glutinoso e azuki (i Mochi ne sono un tipico esempio), possono contenere ingredienti come lo yuzu e altri agrumi, le prugne giapponesi Umeboshi, il sesamo, la frutta secca… 

Mochi Daifuku al miso e caffè, nella pasticceria giapponese Hiromi Cake di Milano | ©foto Sandra Longinotti

Sono wagashi anche i Dorayaki, dolcetti dalla farcitura cremosa racchiusa fra due soffici dischi di pasta. Il capostipite è a base di fagioli rossi, poi ne sono state e continuano ad esserne create tante varianti con matcha, cioccolato fondente, frutta fresca, mascarpone…

Dorayaki Matcha al tè verde, agrumi e fagioli bianchi, della pasticceria giapponese Hiromi Cake di Milano | ©foto Sandra Longinotti
Dolcetti della pasticceria giapponese Hiromi Cake di Milano | ©foto Sandra Longinotti

Da Hiromi Cake trovi 5 gusti diversi di Mochi (che adoro!) e 9 di Dorayaki, più una serie di yogashi che sembrano usciti da un manga e stupiscono per bellezza, morbidezza e rotondità: Okinawa come un bocciolo giallo al cocco, mango e lime, Sakura bianco e rosa alla mandorla e ciliegia in omaggio alla fioritura dei ciliegi,  Tiramisù matcha, Cheesecake al mirtillo, Yuzu tarte… dolcetti talmente carini che ti dispiace quasi mangiarli e che puoi portar via, anche singolarmente, in un packaging altrettanto curato. Non è un caso, segue la filosofia giapponese dove il pasticcino è vissuto come un elemento decorato da donare, e quindi prezioso.

Sakura, un dolcetto di mousse all'amarena con cuore di ciliegia e mandorla della pasticceria giapponese Hiromi Cake di Milano | ©foto Sandra Longinotti

Hiromi Cake è aperta fino alle dieci di sera, comodissima per passare last minute se sei tu a portare il dolce, o se ti viene voglia di un dolcetto dopo cena, quando è piacevole accompagnarlo con un sake. Qui ne trovi uno dolce e uno secco. L’abbinamento giusto con gli yogashi, che hanno una percentuale più consistente di grassi, è col sake secco che funziona un po’ da reset fra un assaggio e l’altro. In pasticceria puoi anche acquistare la bottiglia, così al prossimo invito a cena a casa di amici potrai dire “Il sake lo porto io”. ;))

Mochi della pasticceria giapponese Hiromi Cake di Milano | ©foto Sandra Longinotti

©foto Sandra Longinotti

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x