Nota: A Milano questo ristorante non c’è più, ma ho deciso di mantenere ugualmente il post per l’esperienza del mojito rivisitato :)

Ristorante Clandestino – Maison Moschino – v.le Montegrappa, 12 – Milano – tel. 02 29009858 (aperto 7 giorni su 7)

Maison Moschino - bar e lounge

Mi sono lavata i denti.

Niente di strano, se non fossi stata a tavola. Ma in fondo normalissimo, visto che è stato proposto dallo chef (Moreno Cedroni) e che l’ha fatto tutta la sala. Last but not least, eravamo nel ristorante della Maison Moschino, quindi… ci stava!

No, non l’abbiamo fatto dopo la frutta, ma con l’aperitivo. Sì sì, con l’aperitivo.

Era un mojito rivisitato con saké, Crede e una spolveratina di menta secca. Abbinato ad una scatolina… Curiosi? Dentro c’era un piccolo spazzolino da viaggio e un mini tubetto di cremina alla menta stile dentifricio.
Istruzioni per l’uso: lavarsi i denti e bere il mojito.

mojito rivisitato

Davvero divertente, però sinceramente preferisco un bel mojito classico… ah, non vi ho detto cosa fosse il Crede. E’ un Prosecco Valdobbiadene brut veramente buono, prodotto da Bisol: l’annata 2008 ha accompagnato un antipasto di capesante e poi 3 gamberi fritti in tempura al nero di seppia su salsa di zucchine e vongole, a mio parere il piatto migliore della serata.

Gamberi fritti in tempura al nero di seppiaOttima cucina e ottimi vini Bisol (particolare il prosecco passito Duca di Dolle che ha chiuso in bellezza col dessert), ma sono rimasta un po’ delusa dalla sala…

Quando si entra alla Maison le luci sottolineano il gioco: nell’ingresso nuvolette illuminate penzolano dal soffitto insieme a un barboncino bianco appena uscito dal toelettatore, mentre alla zona bar dà luce un abito che attira l’attenzione… dopo aver sorriso a tutte queste idee frou-frou entri in sala da pranzo e… illuminazione scarsa, tendaggi banali e appesi a parete alcuni abiti ben lontani dalla silhouette di quello appena visto al bar… divertenti le sedie vestite, ma non bastano a scaldare l’ambiente.

Meno male che  a rallegrarci con la sua cucina c’era Moreno, che poi è apparso in sala indossando un coloratissimo grembiule a fiori! A proposito Moreno, non è che ci metteresti una parolina tu?

Maison Moschino - Ristorante Clandestino

——-

©Foto mie

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x