Saporè Milano ha aperto da qualche giorno. Nel quinto locale di Renato Bosco si mangia pizza contemporanea ma si fa anche colazione. E si comprano biscotti e panettone.

Due spazi: la Saporè Bakery da concepire come un bar, e una Sala molto ampia con servizio al tavolo. In carta tre diverse consistenze: la Mozzarella di pane, la pizza Doppio Crunch e la Pizza Tonda.

La Mozzarella di Pane è una pizza contemporanea di Renato Bosco, da assaggiare da Saporè Milano | ©foto Sandra Longinotti

La Mozzarella di Pane è un lievitato sofficissimo ispirato ai panini cinesi cotti al vapore, inciso a spicchi e farcito. Quella in foto è RAGÚ, con burrata, ragù e briciole di pane croccante aromatizzate alla paprika dolce.

Saporè Milano, Pizza Doppio Crunch VEGAN (farcita con crema di zucca, radicchio, funghi freschi, bieta, semi e gomasio) | ©foto Sandra Longinotti

La pizza Doppio Crunch, che si trova anche alla Saporè Bakery, è l’interpretazione di Renato della pizza in teglia alla romana, con caratteristiche di croccantezza estrema nel sottilissimo guscio di crosta, in contrapposizione alla scioglievolezza interna. Le farciture sono tutte molto gustose, la VEGAN (in foto) è saporitissima e così buona che consiglio di provarla anche agli aficionados di mortadella e stracchino come me.

MARGHERITA SAPORÈ, Pizza Tonda con salsa di pomodoro, mozzarella di bufala campana DOP, pomodorini confit e basilico, da Saporè Milano | ©foto Sandra Longinotti

La MARGHERITA SAPORÈ è una Pizza Tonda classica tagliata a spicchi. Sulla carta può sembrare quella più “tranquilla” ma è il banco di prova della qualità degli ingredienti. Nella sua semplicità si sente la bontà della mozzarella di bufala campana DOP e del pomodoro, in salsa e confit. Per chi apprezza il cornicione importante.

La pizza contemporanea di Renato Bosco si mangia a un passo dal Duomo, nel nuovo Saporè Milano. Mozzarella di Pane, Pizza Doppio Crunch e Pizza Tonda: le hai già assaggiate? Condividi il Tweet

Delle tre consistenze alla Saporè Bakery c’è solo la pizza Doppio Crunch, ma qui si inizia già a colazione con cornetti, biscotti, dolci e panettoni artigianali.

Saporè Milano: il Panettone al caffè e cioccolato bianco di Renato Bosco | ©foto Sandra Longinotti

“Quando riesci a fare un grande lievitato” spiega Renato “significa che hai la percezione di tutti quelli che sono i passaggi fondamentali di una lievitazione, e quando aggiungi all’impasto le uova, il burro, i canditi, devi pensare al comportamento dell’impasto ad ogni passaggio. E’ proprio attraverso il dolce che probabilmente sono riuscito a migliorare quelli che sono gli aspetti della pizza.” Di conseguenza la ricerca della materia prima diventa cruciale: significa saper scegliere l’ingrediente giusto, come una specifica farina, per raggiungere un preciso risultato.

Saporè Milano, uno scorcio della Sala dove viene servita la pizza contemporanea di Renato Bosco in tre diverse consistenze | ©foto Sandra Longinotti

“Ho anche cercato di cambiare forma alla pizza e contestualmente consistenza, abbinando farine e lievitazioni, perché faccio lievitazioni spontanee come il lievito madre ma vado anche oltre” racconta Renato “costruiamo le ricette dalla visione finale e poi le smontiamo, per arrivare al liquido giusto per quel tipo di ricetta e a quale farina dovremo utilizzare per ottenere quell’obiettivo. Ed è proprio questa, forse, la forza della pizza contemporanea.”

Se poi, seduto a un tavolo del Saporè Milano ti viene qualche dubbio su cosa sia meglio bere… cosa c’è di più contemporaneo di un abbinamento pizza e vino?

©foto e video Sandra Longinotti

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Killer dov’era il Plastic. Da disco a ristorante cocktail bar. A Milano.

C’era una volta il Plastic. Coda permanente e selezione inflessibile all’ingresso, punk music assordante, luci psichedeliche e sempre così pieno che spesso restava solo il pavimento per sedersi a bere qualcosa. Lo chiamavamo tutti Plastic ma il suo vero nome era Killer Plastic. Poi sette anni fa la discoteca si è trasferita, e quei locali […]

Scopri di più

Il Risotto al Pomodoro dei Costardi Bros e il cucchiaio Gio Ponti

Almeno ogni vent’anni bisognerebbe rivedere alcune regole di Bon Ton. Marchesi sdoganò la scarpetta rendendola elegante, Cedroni e Bottura  introdussero show cooking che finivano col leccarsi le dita… “chessarà” quindi mangiare il risotto col cucchiaio?  Da tempo solo un piacere. Lo sanno bene Christian e Manuel Costardi, che agli eventi ti mettono in mano un barattolo […]

Scopri di più

x