Il cocomero aka anguria, spesso poco zuccherino ma così fresco e succoso, può essere sorprendente col giusto abbinamento, soprattuto se segui i consigli dello chef Marco Stabile.

Quando ero piccola ricordo che nella casa di campagna dei nonni, dove passavo parte dell’estate coi miei cugini, c’era un grande garage dove nessuno parcheggiava la macchina perché fungeva da magazzino, era il posto dove noi bambini andavamo a catturare i ghiretti e ogni anno veniva accatastata una montagna di cocomeri appena raccolti. Quindi cosa poteva esserci per merenda se non un bello spicchio d’anguria? Lo trovavo bello da vedere, ma poco saporito e pieno di semi… e non l’ho mai amato, anzi diciamo che mi rifutavo di mangiarlo.

Angurie | ©Sandra Longinotti

Così quando l’ho riassaggiato piastrato nel micro hamburger che fa parte delle tapas toscane che Marco Stabile prepara nel suo ristorante Ora d’Aria a Firenze, ne sono rimasta molto colpita. Aggiungeva una piacevolissima freschezza a quel piccolo panino,  perfetta con la carne grigliata.

Marco Stabile, chef del ristorante Ora d'Aria a Firenze | ©Sandra Longinotti

E infatti Marco lo dice “il cocomero è sorprendente nei piatti salati”, e consiglia di provarlo così:

  1. passate alla griglia una fetta di 2 cm di spessore, regolate di sale e pepe e mettetela sul manzo alla piastra o nell’hamburger;
  2. se avete il sottovuoto, tagliate il cocomero a pezzi, chiudetelo in una busta e fatelo riposare in frigo per mezzora: otterrete una texture stupenda e dolcissima;
  3. tagliate l’anguria a cubettini e incorporatela alle vostre tartare rosse (manzo, tonno, palamita…), sarà un trionfo di succosità e dolcezza;
  4. anche la buccia è buonissima: tagliatela a pezzi scartando la parte verde e copritela con un mix di sale e zucchero in parti uguali. Dopo un’ora sciacquatela e affettatela sottilissima: nell’insalata è incredibile!

…certo che così è tutta un’altra cosa, non vi pare?

©Foto mie

per chi vuole approfondire:

Ristorante Ora d’Aria

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x