I ceci si possono cuocere più o meno velocemente (4 ore nella pentola di coccio o 40 minuti in pentola a pressione) ma vanno messi a bagno mezza giornata, benissimo al mattino prima di andare in ufficio. Senza ammollo ci sono solo due alternative: comprare quelli già cotti conservati al naturale oppure i fiocchi di ceci, che in 5 minuti di cottura si trasformano in crema (e in un quarto d’ora questa ricetta è pronta).

La crema di ceci sarebbe già buonissima così, ma migliora e si differenzia dal solito aggiungendo le lumache alla Bourguignonne, che apportano quella piacevole umida gommosità e quel tanto di sentore di terra che ci sta benissimo. In più l’aglio, burro e prezzemolo che le insaporisce è un’abbinata vincente coi legumi.

Crema di ceci con lumache alla Bourguignonne – MONDAY SOUP #9 | ©foto Sandra Longinotti

Crema di ceci con lumache alla Bourguignonne

per 4 persone

400 g di ceci
24 lumache alla Bourguignonne surgelate
1 piccola cipolla
2 spicchi d’aglio
1 ciuffo di prezzemolo
pepe nero, sale fino
olio evo toscano

  1. Metti a bagno i ceci per mezza giornata quindi scolali e cuocili in pentola a pressione per 40 minuti dal fischio coperti d’acqua fredda (calcola circa tre dita sopra la superficie) insieme alla cipolla e agli spicchi d’aglio sbucciati.
  2. A fine cottura regola di sale e passa due terzi dei ceci con la loro acqua di cottura sufficiente a ottenere una crema. Nel frattempo cuoci in forno le lumache alla Bourguignonne seguendo le istruzioni sulla confezione.
  3. Versa la crema di ceci nei piatti fondi, distribuisci sopra i ceci interi, le lumache estratte dai gusci, un filo d’olio, una macinata di pepe e le foglie di prezzemolo tagliuzzate con le forbici.

per i props un grazie a:
Officinando per il sottopiatto in acciaio spazzolato serigrafato EN.11

©Foto mie

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x