Oggi avevo voglia di fare qualcosa con la ricotta e queste bellissime perine che ho trovato al mercato… così, non so se qualcuno di voi se lo ricordi, ma nella mia rubrica su Grazia che adesso si chiama “Velocemente” e dove scrivo ricette per l’appunto veloci, per anni quando si chiamava “Un due tre” ho inventato ricette con solo 3 ingredienti, dove lo zucchero, il sale e le erbe aromatiche non erano considerate parte dei tre, altrimenti avrei potuto spararmi…

All’inizio è stata durissima perché fare delle ricette con 3 ingredienti vi assicuro che non è uno scherzo, anche perché naturalmente le mie dovevano essere anche belle, quindi al bando pasta e ceci, brasati, ecc. buonissimi, certo, ma fate una prova e iniziate a guardare nel piatto: non è tutto bello quello che è buono! E quando si tratta di foto, guardandole bisogna sentire l’acquolina in bocca…

Così, insomma, dicevo, oggi alla fine avrei potuto non mettere la panna (che alleggerisce la consistenza e ammorbidisce ancor più il gusto di questa crema), perché anche senza è buonissima. Quindi chi vuole risparmiare calorie può ometterla e in un quarto d’ora realizzare un perfetto Un due tre… molto Velocemente!

Crema alla ricotta e cioccolato bianco con perine | ©foto Sandra Longinotti

Crema di ricotta e cioccolato bianco

per 4 persone

250 g di ricotta di capra
90 g di cioccolato bianco
1 dl di panna fresca
4 perine non troppo mature
70 g di zucchero

1.    Portate a ebollizione lo zucchero con 2 dl d’acqua fredda, aggiungete le perine sbucciate e fatele cuocere a recipiente coperto fino a quando sono morbide.
2.    Sciogliete il cioccolato a bagnomaria oppure nel microonde per 1 minuto alla massima velocità e a recipiente coperto.
3.    Montate la panna.
4.    Mescolate la ricotta fredda passata al setaccio con il cioccolato fuso, quindi incorporatevi la panna montata. Dividete la crema nelle ciotoline individuali, ponetevi sopra una perina e bagnatela con un cucchiaino del suo sciroppo. Volendo potete tenere la crema in frigo fino al momento di servire, ma è buonissima anche così, “espressa”!

©Foto mia

Props Stylist | Ornella Rota

Credits | Bugatti, cucchiaino gold satin | Rina Menardi, ciotole

Share_on

3 pensieri riguardo “Crema di ricotta e cioccolato bianco

  1. Sabato provo a fare la ricetta. Volevo chiederti se quando incorporo la panna montata
    alla ricotta e cioccolato devo fare come quando si incorporano gli albumi … non so se mi sono spiegata …. dall’alto verso il basso con una certa attenzione.
    Scusa forse è una domanda sciocca ma io con i dolci non sono molto ferrata e ho sempre paura di fare danni …
    Grazie.
    Ciao

  2. Ti sei spiegata benissimo Roberta, e la domanda è lecitissima.
    La panna se è ben montata (facilita raffreddare in frigo anche le fruste e il recipiente che userai per montarla) non tende a sgonfiarsi, quindi puoi incorporarla tranquillamente a mano.
    Vedrai che andrà tutto benissimo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x