Crescia di Pasqua

La Crescia di Pasqua è una ricetta molto saporita tipica di Urbino, che sostituisce il pane nel giorno della resurrezione, per questo prima di cuocerla viene portata al parroco  per la benedizione.

Ringrazio Simona per avermi mandato la sua ricetta di famiglia.

Crescia di Pasqua

5 uova
500 g di farina
125 g di burro
150 g di Parmigiano Reggiano ben stagionato
1 cubetti di lievito di birra
1 cucchiaino di sale (se iodurato un po’ di piu’)
olio extra vergine d’oliva, sale, pepe, 
noce moscata
1 arancia non trattata

  1. Sciogli il burro a bagnomaria. Sbatti in una ciotola le uova, aggiungi il burro tiepido, sale, pepe, formaggio, il lievito sciolto in  poco latte (1 e 1/2 bicchiere circa), noce moscata grattugiata e la scorza grattugiata dell’arancia.
  2. Versa la farina a fontana sulla spianatoia e versa al centro il composto di uova. Impasta molto bene il tutto con le mani unte d’olio. Quando l’impasto trasferiscilo in un grosso stampo di alluminio a bordi alti (puoi anche usare una pentola per la pasta senza manici che brucino in forno) ben imburrato e infarinato. Ungi d’olio la superficie, coprila con pellicola per alimenti e lascia lievitare per circa tre ore in un luogo caldo.
  3. Elimina la pellicola e cuoci la crescia in forno preriscaldato a 180° per un’ora circa. Prima di sfornare fai la prova dello stecchino (ma usando un ferro per fare la maglia!) poi spegni il forno e lasciala riposare per 10 minuti. Sforma quindi la crescia di Pasqua rovesciandola su un panno e asciugandola bene su tutti i lati.
Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x