Crescia sfogliata

La crescia sfogliata è una specialità urbinate simile alla piadina, ma molto più saporita.

Simona, che ringrazio per la ricetta, fa presente che gli ingredienti non sono precisi perché si deve usare il buon senso e l’esperienza. Il tempo di preparazione è di 5 ore e ci vogliono circa 10 minuti di cottura per ogni crescia. In genere si mangiano con le verdure gratinate, con i salumi, con lo stracchino e rucola oppure con salsicce e erbe di campo.

Crescia sfogliata

600 g di farina
4 uova
latte
sale
strutto

  1. Disponete su una spianatoia la farina a vulcano, iniziate a mettere le uova e mescolate con le mani. Versate un poco di latte, aggiungete il sale e continuate a mescolare. Dovete ottenere un impasto omogeneo e morbido.
  2. Tirate l’impasto con il mattarello fino ad uno spessore di circa 2 mm; ricopritelo con lo strutto; e arrotolatelo. Così facendo, avete ottenuto un lungo cilindro (un serpente). Prendete la parte finale di questo serpente e attorcigliatela fino a formare una pizzetta di diametro circa 10 cm; infine tagliate la pizzetta dal resto del cilindro. Ripetete questa operazione fino alla fine dell’impasto.
  3. Mettete in frigo le pizzette ottenute per più di 4 ore.  Dopo le 4 ore prendete le pizzette dal frigo e per ognuna di esse: schiacciatela e con l’aiuto del mattarello stendetela di nuovo fino ad ottenere una pizza spessa circa 1/2 cm e di diametro circa 20 cm.
  4. Mettete sul fuoco basso una padella antiaderente e cuocete le (pizzette) crescie su tutti i due lati (circa 5 minuti a lato).

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Killer dov’era il Plastic. Da disco a ristorante cocktail bar. A Milano.

C’era una volta il Plastic. Coda permanente e selezione inflessibile all’ingresso, punk music assordante, luci psichedeliche e sempre così pieno che spesso restava solo il pavimento per sedersi a bere qualcosa. Lo chiamavamo tutti Plastic ma il suo vero nome era Killer Plastic. Poi sette anni fa la discoteca si è trasferita, e quei locali […]

Scopri di più

Il Risotto al Pomodoro dei Costardi Bros e il cucchiaio Gio Ponti

Almeno ogni vent’anni bisognerebbe rivedere alcune regole di Bon Ton. Marchesi sdoganò la scarpetta rendendola elegante, Cedroni e Bottura  introdussero show cooking che finivano col leccarsi le dita… “chessarà” quindi mangiare il risotto col cucchiaio?  Da tempo solo un piacere. Lo sanno bene Christian e Manuel Costardi, che agli eventi ti mettono in mano un barattolo […]

Scopri di più

x