Queste eliche sono di un nuovo pastificio nato a giugno dell’anno scorso a Gragnano (anche se chi l’ha aperto non è nuovo del settore…), che si chiama Pastificio dei Campi. A me sono piaciute molto e vi consiglio di provarle, comunque potete fare la ricetta con la pasta che volete, anche lunga va benissimo!© eliche alle fave

Eliche alle fave

per 4 persone

350 g di eliche
700 g di piccoli baccelli di fave
1 spicchio d’aglio novello
4 cipollotti
1 ciuffo di prezzemolo
pecorino di media stagionatura grattugiato (facoltativo)
olio extravergine di oliva, sale marino integrale, pepe bianco

  1. Cuocete la pasta al dente. Sgusciate le fave, lasciate intere le più piccole ed eliminate la pellicola di quelle più grandi.
  2. Nel frattempo fate sudare i cipollotti tritati grossolanamente e l’aglio vestito (cioè non sbucciato) schiacciato in 3 cucchiai d’olio. Prima che prendano colore aggiungete le fave, salate e fate insaporire. Bagnate con poca acqua bollente della pasta e cuocete a fiamma media.
  3. Estraete la pasta dall’acqua con un mestolo forato e trasferitela direttamente nella casseruola dove cuociono le fave. Fate saltare il tutto bagnando con poca acqua di cottura della pasta, aromatizzate con una macinata di pepe bianco, eliminate l’aglio, cospargete di prezzemolo tagliuzzato con un paio di forbici e servite subito accompagnando a piacere con pecorino grattugiato.

———

©Foto mia

Props Stylist | Ornella Rota

Credits | Zara Home, runner in cotone a righe | dovetusai, ciotole in resina

Share_on

4 pensieri riguardo “Eliche alle fave

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Killer dov’era il Plastic. Da disco a ristorante cocktail bar. A Milano.

C’era una volta il Plastic. Coda permanente e selezione inflessibile all’ingresso, punk music assordante, luci psichedeliche e sempre così pieno che spesso restava solo il pavimento per sedersi a bere qualcosa. Lo chiamavamo tutti Plastic ma il suo vero nome era Killer Plastic. Poi sette anni fa la discoteca si è trasferita, e quei locali […]

Scopri di più

Il Risotto al Pomodoro dei Costardi Bros e il cucchiaio Gio Ponti

Almeno ogni vent’anni bisognerebbe rivedere alcune regole di Bon Ton. Marchesi sdoganò la scarpetta rendendola elegante, Cedroni e Bottura  introdussero show cooking che finivano col leccarsi le dita… “chessarà” quindi mangiare il risotto col cucchiaio?  Da tempo solo un piacere. Lo sanno bene Christian e Manuel Costardi, che agli eventi ti mettono in mano un barattolo […]

Scopri di più

x