Mia mamma, che è di Fiesole, l’ha sempre detto: “il cavolo nero per essere buono deve sentire il freddo”. A dire il vero quando ho iniziato a sentire questo ritornello ero bambina, e a Milano di cavolo nero non ce n’era nemmeno l’ombra. Ma sono passati diversi lustri e oggi il cavolo nero, che si trova senza problemi, evoca meno il minestrone e le zuppe toscane che come la ribollita non potevano proprio farne a meno. Ormai ha una sua authority conclamata nel modo dei foodie e del cibo sano, e diventa chips, succo, pesto, polvere… fantascienza per la massaia del secolo scorso che recuperava il pane raffermo mettendolo nella zuppa del giorno prima e le dava una seconda cottura per scaldarla, e forse inconsapevolmente per annientare la carica batterica che nel frattempo era proliferata in mancanza del frigorifero…

Tralasciando estrattori e forni da essiccazione che utilizzo sempre con piacere, questo che vi propongo è solo un minestrone semplicissimo che si regge sulle gambe della qualità e freschezza assoluta dei suoi (pochi) ingredienti. E con la pentola a pressione, che in questo caso aiuta a cuocere velocemente le cicerchie, si prepara in meno di mezz’ora.

Minestrone al cavolo nero, la mia Monday Soup #22 è veloce, gustosa, vegetariana e vegana | ©foto Sandra Longinotti

Minestrone al cavolo nero

per 4 persone

100 g di cicerchie decorticate

1 mazzo di cavolo nero

300 g di piattoni

2 patate di montagna a pasta gialla

3 carote

2 cipollotti

1 ciuffo di prezzemolo

sale, olio evo

  • Cuoci le cicerchie nella pentola a pressione con due bicchieri d’acqua per 15 minuti dal fischio. 
  • Nel frattempo sbuccia le patate, tagliale a pezzetti e cuocile in 7 dl di acqua fredda salata insieme alle carote pelate, spuntate e ridotte a tocchetti.
  • Quando spicca il bollore aggiungi i piattoni privati del picciolo e tagliati a tocchetti di un paio di cm circa, i cipollotti divisi in quarti e affettati, le foglie di cavolo nero private della costa e strappate con le mani e le foglie di prezzemolo tagliuzzate con un paio di forbici.
  • Lascia sobbollire per 10 minuti circa, quindi aggiungi le cicerchie col loro liquido di cottura, regola di sale e lascia insaporire per qualche minuto, fino a quando le verdure sono morbide. Servi con un filo d’olio evo.

©foto Sandra Longinotti

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Ciambelle di Pasqua

A Pasqua nelle Marche è tradizione preparare queste piccole ciambelle dolci. Questa è una ricetta del 2007 che ho scritto e realizzato in studio come food stylist per il mio servizio di dolci pasquali uscito su Vanity Fair, la foto è una scansione del giornale. Sono ciambelle che sanno di casa, che si apprezzano a […]

Scopri di più

Semina piante felici

Il frigo non serve solo per conservare il cibo: è un importante elemento di arredo e comunicazione. E’ molto efficace per call to action intuitive, da fissare con una manciata di calamite. A casa nostra adesso è: semina! E in questi giorni di primavera, dopo aver goduto per mesi della bellezza autunnale dell’indoor foliage ricreato […]

Scopri di più

Torta alle arance

Faccio questa torta alle arance da quando ero ragazzina, è semplicissima e così buona che fa fare sempre bella figura. L’ho pubblicata su Elle tanti anni fa ed è la preferita di Laura, ai tempi la maestra di mio figlio, che non mangia dolci durante la Quaresima. Così in questo periodo, quando andavo a prenderlo […]

Scopri di più

x