In Italia quando si “toccano” le ricette regionali solitamente scatta la sommossa :D
La ricetta di famiglia è sempre quella giusta, ma la verità è che per la Pappa al Pomodoro – che in Toscana è un’istituzione – così come per tutte le altre nostre ricette regionali le varianti sono infinite.

Questa è la mia, non consiglio l’aggiunta di aglio abbondante né di mezzo litro d’olio perché siamo abituati a piatti più delicati e meno conditi, ma trovo bellissimo che ognuno dosi, tolga e aggiunga ingredienti, personalizzando le ricette secondo il proprio gusto. Detto questo se vuoi fare più in fretta puoi usare i pelati (ne bastano 2 scatole) che possono essere un compromesso accettabile anche se appiattiscono un po’ il gusto, ma a volte… di velocità virtù!


Pappa al pomodoro, una zuppa di pane con pomodoro e basilico

Pappa al pomodoro

per 4 persone

1 kg di pomodori maturi ben sodi
1 cipollotto rosso
1 spicchio d’aglio
1 peperoncino piccante
4 cm di radice fresca di zenzero
1 lt di brodo di pollo (o metà brodo di carne e metà vegetale)
250 g di pane toscano raffermo (o casereccio a lievitazione naturale)
1 mazzetto di basilico genovese
sale, pepe nero, olio evo toscano

  1. Rosola in 3 cucchiai d’olio il cipollotto tritato (compresa la parte più tenera delle foglie), lo zenzero sbucciato e grattugiato, l’aglio in camicia schiacciato e il peperoncino diviso a metà. Prima che prendano colore aggiungi i pomodori sbucciati, privati dei semi e tagliati a pezzi. Regola di sale e pepe, lascia insaporire per qualche minuto poi versa il brodo bollente, copri il recipiente e lascia sobbollire 20 minuti.
  2. Aggiungi il pane affettato sottile, 6 foglie di basilico e cuoci altri 15 minuti, quindi spegni il fuoco e lascia riposare un quarto d’ora coperto.
  3. Elimina l’aglio e il peperoncino, riscalda la pappa e dividila nei piatti fondi, condisci con un giro d’olio generoso e cospargi di foglioline di basilico.

©Foto mie

Props | KnIndustrie, tovaglietta bianca Slash, piatti Nordic, cucchiaio FOO’D champagne

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Gnudi al pomodoro

Questa per me è proprio una ricetta che sa di casa. Eppure l’ho riscoperta recentemente, perché da bambina la guardavo con sospetto… consideravo gli gnudi il parente povero dei ravioli di magro, svestiti della pasta, e allora lo consideravo grave. Adesso invece, che mi sono sfidata a rimettere in discussione i miei ricordi e ho […]

Scopri di più

Semifreddo al caffè

Se è semplice, veloce e buonissimo si chiede la ricetta. E’ la storia di questo Semifreddo al caffè che faceva mia zia Anna in estate, lei era davvero bravissima in cucina, peccato che abitassimo lontane altrimenti sono sicura che avremmo condiviso la passione per la cucina. Adesso ogni volta che preparo questo semifreddo e la […]

Scopri di più

Torta di Crêpes

Il mio primo corso di cucina l’ho fatto a diciott’anni nella prima scuola per appassionati aperta a Milano, e anche se il nome vintage di questa ricetta può farti sorridere, ti assicuro che ai tempi in cui le sorelle Landra me l’anno insegnata (è loro la scuola “La Nostra Cucina”) le crêpes dolci erano molto […]

Scopri di più

x