Questa è una delle ricette del menù ideato da Moreno Cedroni ispirandosi a Ernest Hemingway (quest’anno si celebra il cinquatenario dalla sua scomparsa), preparata utilizzando gli elettrodomestici Scholtès S3. Io l’ho assaggiata quest’anno a Identità Golose (dove aveva usato il pesce spada) e mi è piaciuta al gusto e alla vista, in fondo niente di strano, anzi perfettamente in linea con la cucina di Moreno che è sempre attento all’estetica, alla semplicità e al colore.

Tonno shabu shabu con friggitelli, di Moreno Cedroni

Tonno shabu shabu con friggitelli, ananas e sedano rapa

200 g di filetto di tonno

50 g di salsa di soia

50 g di miele

100 g di sedano rapa

una fetta di ananas di circa 100 g

50 g di succo d’arancia

100 g di friggitelli

50 g di daikon

una bacca di anice stellato

Marinate per 12 ore il pesce tagliato a cubetti con la salsa di soia e il miele.
Cuocete il sedano rapa sottovuoto a 80 gradi per due ore.
Cuocete sottovuoto a 80 gradi per 30 minuti l’ananas con il succo d’arancia e l’anice stellato.
Tagliate a Julienne i friggitelli, tenetene metà al dente e frullate l’altra metà con 50 g di acqua di cottura.
Tagliate il daikon molto sottile.
Versate sul piatto un cucchiaio di salsa di friggitelli e disponetevi sopra le fettine di sedano rapa, i dadi di tonno scottati per un secondo in acqua bollente, le fettine di ananas e infine la Julienne di friggitelli e daikon conditi con gocce di lime.

per chi vuole approfondire:

Moreno Cedroni a Identità Golose 2011

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Killer dov’era il Plastic. Da disco a ristorante cocktail bar. A Milano.

C’era una volta il Plastic. Coda permanente e selezione inflessibile all’ingresso, punk music assordante, luci psichedeliche e sempre così pieno che spesso restava solo il pavimento per sedersi a bere qualcosa. Lo chiamavamo tutti Plastic ma il suo vero nome era Killer Plastic. Poi sette anni fa la discoteca si è trasferita, e quei locali […]

Scopri di più

Il Risotto al Pomodoro dei Costardi Bros e il cucchiaio Gio Ponti

Almeno ogni vent’anni bisognerebbe rivedere alcune regole di Bon Ton. Marchesi sdoganò la scarpetta rendendola elegante, Cedroni e Bottura  introdussero show cooking che finivano col leccarsi le dita… “chessarà” quindi mangiare il risotto col cucchiaio?  Da tempo solo un piacere. Lo sanno bene Christian e Manuel Costardi, che agli eventi ti mettono in mano un barattolo […]

Scopri di più

x