Questa è una ricetta classica e semplicissima da fare in poco più di 10 minuti, giusto il tempo di cuocere la pasta.

La bottarga naturalmente è di muggine, intera (cioè non grattugiata) meglio se del Presidio di Orbetello. Gli spaghetti sono i famosi Spaghettoro di Verrigni trafilati in oro. Se avete questi ingredienti “magici” non potete sbagliare…

Mi viene sempre da ridere quando penso a quella volta che Carlo Cracco, alla presentazione di un nuovo strumento di cottura di cui stava facendo la dimostrazione preparando dei piatti semplicissimi (il ricettario l’aveva scritto lui), alla fine si guardò in giro e disse “Bene, le ricette ve le ho date, se poi non vi vengono non date la colpa a me!”

Spaghetti alla bottarga, | ©foto Sandra LonginottiSpaghetti alla bottarga

per 4 persone:

350 g di spaghetti
60 g di bottarga di muggine
1 spicchio d’aglio
2 cipollotti
1 ciuffo di prezzemolo
olio extravergine di oliva, pepe bianco, sale marino fine

  1. Cuocete gli spaghetti al dente. Nel frattempo eliminate la pellicina che riveste la bottarga, tagliatela a tocchetti e tritatela grossolanamente nel cutter (fate in fretta per evitare che si impasti).
  2. Rosolate in 6 cucchiai d’olio lo spicchio d’aglio schiacciato e il cipollotto tritato.
  3. Prima che prendano colore eliminate l’aglio, aggiungete la pasta sgocciolata (estraetela dall’acqua col forchettone in modo che non sia troppo asciutta) e saltatela per un attimo bagnando con un po’ della sua acqua di cottura. Spegnete, unite la bottarga e mescolate velocemente.

——–

©Foto mia

Props Stylist | Ornella Rota

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Killer dov’era il Plastic. Da disco a ristorante cocktail bar. A Milano.

C’era una volta il Plastic. Coda permanente e selezione inflessibile all’ingresso, punk music assordante, luci psichedeliche e sempre così pieno che spesso restava solo il pavimento per sedersi a bere qualcosa. Lo chiamavamo tutti Plastic ma il suo vero nome era Killer Plastic. Poi sette anni fa la discoteca si è trasferita, e quei locali […]

Scopri di più

Il Risotto al Pomodoro dei Costardi Bros e il cucchiaio Gio Ponti

Almeno ogni vent’anni bisognerebbe rivedere alcune regole di Bon Ton. Marchesi sdoganò la scarpetta rendendola elegante, Cedroni e Bottura  introdussero show cooking che finivano col leccarsi le dita… “chessarà” quindi mangiare il risotto col cucchiaio?  Da tempo solo un piacere. Lo sanno bene Christian e Manuel Costardi, che agli eventi ti mettono in mano un barattolo […]

Scopri di più

x