© Estrazione dell'acqua di porri per la ricetta dei Superspaghettini ai porri di Nico Romito

Questa ricetta è basata sull’estrazione, una tecnica che mi fa pensare immediatamente a Niko Romito. L’anno scorso avevo avuto il (grande) piacere di assaggiare un piatto analogo alla cena “Oro in Tavola”, fatto con la stessa pasta Verrigni (allora si chiamavano Capellini, ora sono stati ribattezzati Superspaghettini) condita con un’estrazione di pomodoro, indimenticabile.

Questo piatto mi sembra altrettanto interessante, Niko l’ha presentato ieri a Identità Golose, la ricetta è un tantino laboriosa ma semplicissima, provatela!

© Cottura dei porri alla brace per la ricetta dei Superspaghettini ai porri di Nico Romito

Superspaghettini ai Porri

2 kg di porri
200 g di Superspaghettini Verrigni
50 g di guanciale affumicato affettato molto sottile
30 g di olio extravergine di oliva
100 g di vino bianco secco
peperoncino, sale

  1. Pulite i porri lasciando buona parte delle foglie verdi e cuoceteli sulla brace per circa un’ora, la parte esterna risulterà nera e l’interno sarà molto ruvido. Passateli con una classica macchina per i pomodori: premendo la parte solida verrà scartata e rimarrà il 100% di acqua vegetale di porro.
  2. Rosolate appena il guanciale tagliato a quadretti in una casseruola senza aggiungere grassi, sfumate un una spruzzata di vino che darà la nota acida al piatto, aggiungete l’acqua di porri, sale e un pizzico di peperoncino.
  3. Portate a ebollizione e aggiungete i Superspaghettini che assorbiranno l’acqua rilasciando contemporaneamente il loro amido. La cottura della pasta è velocissima per il tipo di formato, l’acqua vegetale si asciuga e il fruttosio che contengono i porri inizia a caramellare, a questo punto aggiungete l’olio. Dopo 2 minuti il piatto è pronto: i Superspaghettini sono cotti al dente, con un importante sapore di porro affumicato.

—-

©Foto mie

Share_on

2 pensieri riguardo “Superspaghettini ai porri – di Niko Romito

  1. fantastico! Ora che ci penso anche l’anno scorso ad IG aveva fatto una cosa del genere con una macchina però professionale. Non ricorda ora con che ingrediente, ma ci aveva conquistati tutti :-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Gnudi al pomodoro

Questa per me è proprio una ricetta che sa di casa. Eppure l’ho riscoperta recentemente, perché da bambina la guardavo con sospetto… consideravo gli gnudi il parente povero dei ravioli di magro, svestiti della pasta, e allora lo consideravo grave. Adesso invece, che mi sono sfidata a rimettere in discussione i miei ricordi e ho […]

Scopri di più

Semifreddo al caffè

Se è semplice, veloce e buonissimo si chiede la ricetta. E’ la storia di questo Semifreddo al caffè che faceva mia zia Anna in estate, lei era davvero bravissima in cucina, peccato che abitassimo lontane altrimenti sono sicura che avremmo condiviso la passione per la cucina. Adesso ogni volta che preparo questo semifreddo e la […]

Scopri di più

Torta di Crêpes

Il mio primo corso di cucina l’ho fatto a diciott’anni nella prima scuola per appassionati aperta a Milano, e anche se il nome vintage di questa ricetta può farti sorridere, ti assicuro che ai tempi in cui le sorelle Landra me l’anno insegnata (è loro la scuola “La Nostra Cucina”) le crêpes dolci erano molto […]

Scopri di più

x