Di queste tartine mi piace il contrasto fra i sapori e soprattutto fra le consistenze: il pane tostato che scricchiola sotto ai denti,  la morbidezza della delicata crema di broccoli, quella appena gommosa del baccalà, il paté di taggiasche che dà una sferzata di sapore (attenzione a non eccedere) e la freschezza dei germogli leggermente piccanti (il China Rose è una varietà di ravanello). Provatele con un bicchiere di bianco, anche con le bollicine.

tartine croccanti ai broccoli, baccalà e germogli China Rose | ©foto Sandra Longinotti

Tartine croccanti ai broccoli, baccalà e germogli

4 fette di pane da sandwich (tipo pancarré senza crosta)
2 broccoli
5 filetti di acciughe sott’olio
1 spicchio d’aglio
200 g di baccalà già tenuto in ammollo
1 cucchiaio di paté di olive taggiasche
1 manciata di germogli di China Rose (sostituibili con altri germogli a piacere)
olio extravergine di oliva, sale marino fino

1.    Lessate i broccoli, scolateli e fateli insaporire per qualche minuto in 3 cucchiai d’olio insieme ai filetti di acciuga e allo spicchio d’aglio sbucciato e tagliato a metà.
2.    Nel frattempo lessate il baccalà in acqua bollente salata per 10 minuti, scolatelo e “sfogliatelo” con le mani eliminando la pelle e le lische rimaste. Otterrete delle scaglie irregolari di pesce, conditele con un filo d’olio e tenetele in caldo.
3.    Tagliate il pane a piccoli rettangoli e tostatelo in forno a 180° fino a quando è dorato.
4.    Riducete i broccoli a crema utilizzando un cutter e regolate di sale.
5.    Spalmate il pane con la crema di broccoli e distribuitevi sopra le scaglie di baccalà,  il paté di olive e i germogli privati della radichetta (solo per una questione estetica, dato che le radici sono commestibili),

——-

©Foto mia

Props Stylist | Ornella Rota

Credits | Zara Home, bicchiere | Rina Menardi, piattino color terra

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Killer dov’era il Plastic. Da disco a ristorante cocktail bar. A Milano.

C’era una volta il Plastic. Coda permanente e selezione inflessibile all’ingresso, punk music assordante, luci psichedeliche e sempre così pieno che spesso restava solo il pavimento per sedersi a bere qualcosa. Lo chiamavamo tutti Plastic ma il suo vero nome era Killer Plastic. Poi sette anni fa la discoteca si è trasferita, e quei locali […]

Scopri di più

Il Risotto al Pomodoro dei Costardi Bros e il cucchiaio Gio Ponti

Almeno ogni vent’anni bisognerebbe rivedere alcune regole di Bon Ton. Marchesi sdoganò la scarpetta rendendola elegante, Cedroni e Bottura  introdussero show cooking che finivano col leccarsi le dita… “chessarà” quindi mangiare il risotto col cucchiaio?  Da tempo solo un piacere. Lo sanno bene Christian e Manuel Costardi, che agli eventi ti mettono in mano un barattolo […]

Scopri di più

x