La zuppa di cipolle gioca sul contrasto fra la dolcezza della cipolla e la sapidità del gruyère, e diventa particolarmente saporita se si utilizza un buon brodo di carne. Può cuocere in pentola a pressione per abbreviare i tempi di cottura, e non ultimo è un buon modo per recuperare il pane raffermo.

Zuppa di cipolle | ©foto Sandra Longinotti

Zuppa di Cipolle

per 4 persone

750 g di cipolle ramate
1 bicchiere di vino bianco secco
1,5 lt di brodo di carne o vegetale
300 g di pane casereccio
200 g di gruyère
4 mazzetti di funghi chiodini
pepe nero
sale fine di Cervia
olio evo

  • Sbuccia le cipolle, affettale a julienne e falle sudare in due cucchiai d’olio. Prima che prendano colore bagna col vino, lascialo evaporare e poi aggiungi il brodo bollente. Cuoci fino a quando le cipolle sono morbide (se vuoi ridurre i tempi è questo il momento di usare la pentola a pressione).
  • Nel frattempo affetta il pane sottile e tostalo in forno. Grattugia il formaggio con una grattugia a fori grandi, distribuiscine quattro cucchiai su una teglia foderata con carta da forno e lasciali sciogliere in forno a 180°. Quando iniziano a dorare estrai la teglia e lascia intiepidire.
  • Rosola i funghi in poco olio. Alterna la zuppa di cipolle al pane e al formaggio grattugiato in 4 ciotole o scodelle o altro recipiente (spezza il pane se usi dei tumbler come quelli in foto), aromatizza con pepe appena macinato e guarnisci con le sfoglie di formaggio gratinato e i funghi.

per i props un grazie a:
KnIndustrie per i tumbler in coccio smaltato da gin tonic

cipolle ramate | ©foto Sandra Longinotti

©Foto mie

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x