Un “vermouth” fatto con la birra al posto del vino?
Si chiama Beermouth ed è una delle ultime “creature” di Teo Musso, mastro birraio visionario, condottiero di Baladin.

“Lo facciamo con una delle nostre birre di punta, la Xyauyù, una birra ossidata molto particolare,” spiega Alessio Franzoso, direttore artistico di Baladin “e 13 botaniche che Teo ha selezionato insieme a Denis Zoppi e a Giacomo Donadio, estratte con metodi innovativi che vanno dagli ultrasuoni al sottovuoto a freddo. Aggiunte in infusione alla Xyauyù ne aumentano la gradazione alcolica, che passa dai 14 ai 19 gradi, come è tipico nel vermouth.”

Alessio Islaz di Baladin col nuovo Beermouth | ©foto Sandra Longinotti

La scelta di utilizzare un sistema di distillazione sottovuoto, che permette di distillare anche sotto i 30 gradi, è stata fatta per estrarre la parte aromatica delle botaniche senza alterarle. “Abbiamo realizzato un piccolo laboratorio all’interno del nostro birrificio,” racconta Teo “dove si svolge tutto il percorso: c’è voluto un anno e mezzo per arrivare a creare un bell’equilibrio di botaniche ma il risultato è estremamente affascinante, e apre una categoria nuova”.

Teo ha registrato il marchio Beermouth in tutto il mondo con l’obiettivo di farne un disciplinare “piuttosto aperto, desidero regalare il marchio a tutti i birrifici artigianali che vogliono intraprendere lo stesso percorso,” dice “e non nascondo che mi piacerebbe molto che fra vent’anni fra le bevande alcoliche ad affiancare i vermouth ci fosse una categoria beermouth.”

Teo Musso col suo Beermouth and Tonic | ©foto Sandra Longinotti

Il Beermouth è molto piacevole, intenso e aromatico. Si beve come il vermouth, a partire dal modo più semplice: puro con ghiaccio, come da tradizione piemontese. Ma è anche un prodotto interessante per la mixology, ed è proprio per il Beermouth and Tonic che è nata la nuova Tonica al Fieno. “A maggio dell’anno scorso siamo andati sulle montagne cuneesi con Cagliero, un nostro amico che coltiva piante officinali e fa basi per il mondo dei profumi,” racconta Teo “e abbiamo fatto un’assoluta di fieno di montagna che è poi diventata una delle basi aromatiche di questa tonica.”

“Con quei toni leggermente erbacei del fieno maggengo è stata pensata per abbinarsi armonicamente alle botaniche del Beermouth, ma resta una bibita che può essere bevuta da sola perché è molto equilibrata,” aggiunge Alessio “non ha una parte amara troppo accentuata come succede per certe toniche e non ha profili aromatici strani, senza essere una di quelle toniche neutre che alla fine dicono poco.”

Cos'è il Beermouth? Dove e come si beve? Il Beermouth and Tonic si fa con la Tonica al Fieno? @TeoMussobaladin e @Alessiobaladin raccontano le ultime novità di @BirraBaladin. Condividi il Tweet

Dove si assaggiano? Per esempio al nuovissimo Mercato Centrale di Torino, dove c’è uno spazio dedicato al Beermouth e ai cocktail a base di birra. Prima di Natale aprirà anche il Mercato Centrale di Milano, qualcosa mi dice che li troveremo anche lì…

©foto mie

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Il Risotto al Pomodoro dei Costardi Bros e il cucchiaio Gio Ponti

Almeno ogni vent’anni bisognerebbe rivedere alcune regole di Bon Ton. Marchesi sdoganò la scarpetta rendendola elegante, Cedroni e Bottura  introdussero show cooking che finivano col leccarsi le dita… “chessarà” quindi mangiare il risotto col cucchiaio?  Da tempo solo un piacere. Lo sanno bene Christian e Manuel Costardi, che agli eventi ti mettono in mano un barattolo […]

Scopri di più

x