Il nuovo Bruno Paillard Blanc de Blancs 2006 da poco in distribuzione e l’Extra Brut Grand Cru multi-millésimés, due vini molto interessanti e molto diversi. Ed entrambi Extra Brut, come tutti gli champagne Bruno Paillard.

 

 

Il 2006 è stata un’annata particolare “non siamo in molti ad aver fatto il millesimato” ha spiegato Alice Paillard, figlia di Bruno “un’annata con certi momenti un po’ estremi ma nei tempi giusti, un vero inverno come mancava da anni, con temperature fino a -17 gradi ma limitate a dicembre e gennaio, e poi un’estate calda con un luglio caldo ma anche piovoso, una combinazione che da noi risulta complicata sul pinot noir, mentre è stata ideale per lo chardonnay che ha raggiunto una maturità non abituale e molto affascinante, per questo abbiamo deciso di fare il Blanc de Blancs. Il risultato è un vino con uno spessore molto profondo, una maturità legata sia all’annata che al tempo – oramai ha 10 anni di cui 9 sui lieviti – uno champagne setoso, molto diverso dal Blanc de Blancs multi-millésimés, che fa pensare ad annate che oramai hanno già vent’anni, a vini con grandi armonie.”

 

champagne Bruno Paillard Blanc des Blancs 2006 | ©foto Sandra Longinotti

 

Per questo “Volupté” è il tema dell’etichetta del Blanc de Blancs 2006, interpretata dal dipinto dell’artista svedese Jockum Nordström. La data di dégorgement è sul retroetichetta, Bruno Paillard è stato fra i primi a volerla indicare chiaramente perché considera che lo stress che si dà al vino con la sboccatura necessiti di almeno un anno di “convalescenza” in cantina, per il nuovo Blanc de Blancs 2006 è Aprile 2015.

 

Il Blanc de Blancs Extra Brut Grand Cru multi-millésimés, che mi è piaciuto particolarmente per il suo carattere più rigoroso, diretto e ben delineato, è perfetto con sapori altrettanto netti, noi l’abbiamo bevuto come aperitivo abbinato alle Chips di riso dello chef Matteo Baronetto e poi a tavola con la sua particolarissima Insalata piemontese, che consiglio di provare al ristorante Del Cambio a Torino.

 

 

per chi vuole approfondire:

champagne Bruno Paillard distribuito in Italia da Cuzziol

 

Share_on

Un pensiero riguardo “Champagne Bruno Paillard Blanc de Blancs: il 2006 e il Multi-Millésimés

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x