Quando il nostro ‘tartarugo’ Gerardo può farsi un giretto per il giardino, controllato a vista per evitare che precipiti giù da qualche piana ligure, non gli sfugge nemmeno un fiore di Tarassaco. Non è un caso, li sceglie proprio evitando gli altri fiori spontanei a disposizione, e ne è ghiottissimo.

Voi lo chiamate Dente di Leone, Soffione (quanti ne ho soffiati da piccola! e tuttora non resisto…), Pissenlit? Beh, è sempre lui. E fa un gran bene al fegato e alla digestione, #sapevatelo!

© Tarassaco

Fiorisce da adesso fino a ottobre, potete coltivarlo ma perché dovreste? Si trova con gran facilità nei campi, anche in montagna, e secondo me spontaneo è meglio. Se vi piace l’amarognolo, questo è il momento giusto per aggiungere all’insalata qualche fogliolina di quelle centrali e tenerissime appena spuntate, più avanti diventano dure e fibrose ed è meglio cuocerle. Per bollire le radici invece aspettate l’autunno.

Non è finita: potete raccogliere anche i boccioli e metterli sottaceto (basta bollirli prima 5 minuti in acqua e limone), se poi non avete una tartaruga che vi mangia tutti i fiori, staccate i petali e aggiungete pennellate giallo-tarassaco dappertutto: insalate, risotti, dolci…

©Foto mie

Share_on

5 pensieri riguardo “Tarassaco, boccioli, fiori, radice, foglie…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Ultimi post


x
x