Una sedia senza seduta con una fila di rondini sullo schienale, un piatto pieno di farfalle, una tazza trafitta da cuori, una forchetta piatta e una piccola mela di ceramica accomodata in un bicchiere. E’ il tenerissimo pranzo impossibile di Giorgia e Veronica, e sembra uscito da un sogno. O da un libro di fiabe. Ed è irrimediabilmente affascinante.© il pranzo impossibile di Terra Blu

© oggetti di Terra Blu

Vorresti circondarti di tutti questi oggetti così teneri, mescolandoli con quelli utilizzabili, proprio come fanno Giorgia e Veronica. Così un grande baccello aperto (in stoffa indurita e semi di porcellana) diventa centrotavola e i piattini un po’ ondulati possono accogliere un biscotto, ma c’è chi ancora non se n’è accorto e vuole quelli belli lisci dove appoggiare la tazzina… così quelli più veri, teneri e poetici li ho presi io per fare delle foto… E poi ci sono lettere che compongono messaggi, o messaggi incisi col cobalto puro dentro a ciotole che sembrano di carta, e invece puoi versaci dentro il latte.

© oggetti di Terra Blu

Giorgia e Veronica creano tutti questi oggetti con grande professionalità e tanta fantasia.  Veronica crea oggetti un po’ teatrali e non ceramici, Giorgia “mette le mani in pasta” e lavora la porcellana, ne usa una di Limonge e una australiana che è bianchissima.

Nella foto sotto mi sta mostrando il fondo non smaltato di una tazza: è color nocciola perché è in gres, se fosse di porcellana, che contiene un’alta percentuale di caolino, sarebbe bianco. Aggiungo una cosa importante: Giorgia che fa oggetti per la tavola non ha solo un grande estro, ha anche i piedi per terra e la consapevolezza di quanto sia importante utilizzare materiali atossici adatti a contenere gli alimenti. Così è molto attenta nella scelta dei coloranti e preferisce restare sul bianco aggiungendo solo a volte la tinta, ma con discrezione. Una scritta, un bordo…

© con Giorgia Brunelli di Terra Blu

Foto mie

Per chi vuole approfondire:

Giovelab

Share_on

Un pensiero riguardo “Giorgia e Veronica, poesia in una tazza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x