Capesante in tempura al nero di seppia – di Moreno Cedroni

Pubblicato in Ricette ›› Ricette degli chef il: 13 luglio 2012

Ve lo giuro, questo è un piatto StraEasy (e StraBuono).

Noi 7 giornaliste e food blogger invitate a visitare Elica (guardate il mio storify), l’abbiamo preparato senza problemi sotto l’occhio vigile di Moreno Cedroni (e questo aiuta ;)  quella che vedete sotto è proprio la sua ricetta (grazie Moreno!) già a leggerla non intimorisce, vero? Se poi proprio vi venisse qualche dubbio… scrivetemi!

ps – sempre da Elica con Moreno abbiamo preparato un’altra ricetta: Fusilloro ai moscioli selvatici di Portonovo, carota e bruschetta liquida (sìsì, avete letto bene) la trovate fra le Ricette degli Chef, strabuona anche lei…

© Capesante in tempura al nero di seppia - di Moreno Cedroni

Capesante fritte in tempura al nero di seppia, con vongole, zucchine e daikon

Per 5 persone

Sgusciare 2 kg di capesante (circa 400 g di polpa ) , togliere tutto ciò che circonda il mollusco , lavare le noci di cappesante in acqua per togliere i residui di sabbia , velocemente ed asciugandole subito altrimenti poi il frutto di mare assorbirebbe il liquido come una spugna , per questo consiglio di tenerle in una scolapasta.

© Passaggi ricetta: brunoise di zucchine e cottura delle vongole con la buccia delle zucchine

Per la salsa

Sbollentare e raffreddare 100 gr di zucchine verdi, a 40 gr di zucchine togliere la parte verde e tagliare a dadini piccolissimi; alle rimanenti togliere la parte interna bianca.

Fare un soffritto con 20 gr di olio extravergine d’oliva e 1 gr di aglio tritato; poi aggiungere 150 gr di vongole veraci, irrorare con 20 gr vino bianco e aggiungere anche le zucchine senza il  bianco.

Coprire e cuocere fino a che le vongole si aprono, sgusciare le vongole, aggiungere e frullare il tutto ed aggiungere i dadini di zucchina e le vongole sgusciate.

Per la tempura

Mescolare 150 gr di farina 00, 26 gr di lievito di birra, 120 gr di  nero di seppia, 80 gr di acqua, 3 gr di sale e 3 gr di zucchero semolato;  aspettare circa 30 minuti che aumenti di volume.

Per il daikon

Tagliare a fette sottili e poi a jullienne e condire con alcune gocce di succo di limone e del sale.

Immergere le cappesante nella tempura in modo che le rivesta, friggere in olio di semi di arachide  a 180° fino a che la pastella risulti  croccante, estrarre con una paletta forata e salare.

Versare 3 cucchiai di salsa calda in un piatto fondo, disporre le capesante e posizionare al centro un pizzico di daikon.

© Romina assaggia il piatto finito (slurp!)

Foto mie

Per chi vuole approfondire:

Elica

Moreno Cedroni

Continua a leggere

  • Nessun post correlato

Tag

Lascia un commento