Questa ricetta è tratta dal mio libro “Peperoncini 32+1 varietà da scoprire” [foto di Marino Visigalli, Nomos Edizioni] e realizzata col Macho, un peperoncino che amo molto come pianta ornamentale.

Un Capsicum annuum con frutti piccoli e affusolati che crescono verso l’alto, neri per una parte della loro vita e rossi a maturazione, così entrambi i colori convivono contemporaneamente sulla pianta. Anche le foglie non sono completamente verdi, o almeno non tutte, alcune sembrano tuffate per un attimo nel carbone e poi scosse senza riuscire ad eliminare tutta quella polverina nera che le rende così particolari… le volete più scure? E’ facile, basta tenete la pianta in un luogo molto soleggiato. E’ un peperoncino che ha anche un bel nome che porta molto bene – Macho – e la ragguardevole piccantezza di 100.000 SHU (cioè gradi Scoville), insomma piccolo sì ma andateci piano!

Petti d’anatra speziati con asparagi selvatici

500 g di asparagi selvatici

1 peperoncino Macho

1 cucchiaino di pepe bianco in grani

1 cucchiaino di semi di coriandolo

1 cucchiaino di semi di senape

4 rametti di timo

1 rametto di rosmarino

600 g di petti d’anatra

2 spicchi d’aglio

olio evo, sale marino integrale

  1. Cuoci gli asparagi interi in acqua bollente salata e scolali al dente.
  2. Nel frattempo dividi il peperoncino a metà ed elimina il picciolo, i semi e le nervature interne. Spezza grossolanamente col batticarne i grani di pepe e il coriandolo, aggiungi i semi di senape, mezzo cucchiaino di sale, le foglioline di timo intere e le foglioline di rosmarino tritate col peperoncino.
  3. Senza eliminare la pelle, strofina i petti d’anatra con l’aglio sbucciato e tagliato a metà, quindi massaggiali col sale speziato. Scalda 3 cucchiai d’olio in una padella di ferro e cuoci i petti d’anatra al sangue (non cuocerli troppo altrimenti la carne indurisce).
  4. Taglia la carne nel senso della larghezza allo spessore di mezzo centimetro, distribuiscila nei piatti con gli asparagi e condisci con un filo d’olio.

“Peperoncini 32+1 varietà da scoprire” [foto di Marino Visigalli, Nomos Edizioni]

in vendita in libreria e online su Amazon e IBS

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x