Quest’anno a Cheese ho assaggiato il Vacherin Fribourgeois del nuovo Presidio Slow Food. Ricorda molto la nostra fontina (e in effetti viene usato per fare la fondue) ma ha una consistenza più pastosa, tanto che affettandolo sottile inizia a ondularsi leggermente.

Il sapore cambia a seconda della stagionatura: per questa ricetta ho scelto quello d’alpeggio che contrasta piacevolmente col gusto dolce della zucca, e ho usato la farina di riso che cuoce in fretta ed è senza glutine.

Crema di zucca piccantina con Vacherin fribourgeois | ©foto Sandra Longinotti

Crema piccantina di zucca con Vacherin Fribourgeois

per 4 persone  –  facilissima

1,5 kg di zucca
60 g di farina di riso
40 g di burro
2 porri giovani e sottili
60 g di Vacherin Fribourgeois (se non lo trovate sostituitelo con la fontina)
peperoncino piccante in polvere
olio extravergine di oliva, sale marino integrale

1.    Sbuccia la zucca, elimina i semi, tagliala a pezzi e cuocila al vapore (per ridurre i tempi usa pure la pentola a pressione) mettendo sotto al cestello un litro e mezzo d’acqua.
2.    Frulla la zucca con 4 dl della sua acqua di cottura. Misura 6 dl dell’acqua rimasta e portala a ebollizione.
3.    Sciogli il burro in una casseruola antiaderente. Incorporavi la farina di riso e il sale, quindi togli il recipiente dal fuoco e versa poco alla volta l’acqua bollente mescolando continuamente (in questo modo non si formano grumi). Appena ottieni una besciamella omogenea rimetti la casseruola sul fuoco e portala a bollore continuando a mescolare.
4.    Nel frattempo fai appassire a fiamma media i porri tritati grossolanamente (la parte bianca e quella verde chiaro, fino a circa 5 cm sotto le foglie) in 2 cucchiai d’olio e un pizzico di sale.
5.    Mescola la besciamella con la zucca, regola di sale e versatela in 4 ciotole. Distribuisci sopra il formaggio tagliato sottilissimo (se ce l’hai usa un affettaformaggio), i porri e una spolverata di peperoncino.


———–

©Foto mia

Props Stylist | Ornella Rota

Props | Pottery Barn, tovaglia color sabbia 100% canapa | Di mano a mano, ciotola quadrata con bordi smussati, color nocciola puntinato

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Gnudi al pomodoro

Questa per me è proprio una ricetta che sa di casa. Eppure l’ho riscoperta recentemente, perché da bambina la guardavo con sospetto… consideravo gli gnudi il parente povero dei ravioli di magro, svestiti della pasta, e allora lo consideravo grave. Adesso invece, che mi sono sfidata a rimettere in discussione i miei ricordi e ho […]

Scopri di più

Semifreddo al caffè

Se è semplice, veloce e buonissimo si chiede la ricetta. E’ la storia di questo Semifreddo al caffè che faceva mia zia Anna in estate, lei era davvero bravissima in cucina, peccato che abitassimo lontane altrimenti sono sicura che avremmo condiviso la passione per la cucina. Adesso ogni volta che preparo questo semifreddo e la […]

Scopri di più

Torta di Crêpes

Il mio primo corso di cucina l’ho fatto a diciott’anni nella prima scuola per appassionati aperta a Milano, e anche se il nome vintage di questa ricetta può farti sorridere, ti assicuro che ai tempi in cui le sorelle Landra me l’anno insegnata (è loro la scuola “La Nostra Cucina”) le crêpes dolci erano molto […]

Scopri di più

x