Crostata di farro alle more di rovo (thanks to Niccolò Aiazzi per aver fatto da modello) | ©Sandra LonginottiLa farina di farro monococco ha una sua naturale dolcezza che permette di diminuire il contenuto di zucchero nei dolci.

Così è da un po’ che la provo cambiando le proporzioni in rapporto agli altri ingredienti, perché non mi piacciono le torte troppo dolci. Nel caso di una crostata di farro come questa, già molto sostenuta dall’apporto zuccherino della confettura, l’equilibrio si fa ancora più delicato.

Crostata di farro alle more di rovo | ©Sandra LonginottiCrostata di farro alle more di rovo

150 g di burro

300 g di farina bianca di farro monococco

100 g di farina di riso

100 g di zucchero

3 tuorli

2 vasetti da 340 g di confettura di more di rovo

sale marino integrale fine

  1. Monta il burro con lo zucchero, quando è diventato chiaro e spumoso incorpora i tuorli e un pizzico di sale, quindi aggiungi la farina di farro e quella di riso. Forma una palla, avvolgila in pellicola trasparente da cucina e lasciala riposare in frigo per un’ora.
  2. Stendi due terzi della pasta direttamente su un foglio di carta da forno, e senza staccarla trasferiscila in una teglia a bordi bassi del diametro di 30 cm in modo da foderare fondo e bordi.
  3. Riempila di confettura e livella la superficie. Stendi la pasta frolla rimasta, tagliala a listarelle e disponile a griglia sulla confettura. Pareggia i bordi schiacciandoli verso il basso coi rebbi di una forchetta.
  4. Cuoci la crostata in forno preriscaldato a 175° per circa mezz’ora.

©Foto mie

 

Share_on

Un pensiero riguardo “Crostata di farro alle more di rovo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x