Fra le specie commestibili di peperoncino ce n’è uno che amo particolarmente per la sua strana forma a mela e infatti in Messico lo chiamano “chile manzano”, ma il suo vero nome è Rocoto e diversamente dall’apparenza è molto piccante (150.000 SHU).

La forma non è la sua unica particolarità, è un peperoncino molto alto (supera il metro) e ha semi neri perché appartiene alla specie Capsicum pubescens che sopravvive a temperature più basse rispetto alle altre specie, fino a qualche grado sotto lo zero, anche se per non rischiare è meglio fargli passare l’inverno in serra o nella zona più fresca della casa.

La ricetta e le immagini di questo post sono tratte dal mio libro “Peperoncini 32+1 varietà da scoprire” edito da Nomos Edizioni, con le splendide foto sono di Marino Visigalli e il mio food styling, dove trovi tante informazioni e curiosità sul peperoncino e i peperoncini, come coltivarlo e 33 ricette suddivise per grado di piccantezza.

peperoncino Rocoto | dal mio libro "Peperoncini - 32+1 varietà da scoprire" foto Marino Visigalli, Nomos Edizioni

Insalata di arance con mazzancolle e germogli

600 g di code di mazzancolle

2 arance bionde

4 cipollotti

1 costola di sedano

1 peperoncino Rocoto rosso

1 manciata di germogli di alfa alfa

olio evo, sale marino integrale, pepe bianco

  1. Sguscia le code di mazzancolle lasciando attaccate le alette finali, incidi il dorso ed elimina il budellino scuro.
  2. Taglia le arance al vivo: appoggiale sul tagliere, taglia le calotte e affetta il resto della buccia a strisce facendo scorrere la lama del coltello dall’alto verso il basso. Raccogli il succo che hanno emesso le arance e affettale in orizzontale.
  3. Scarta la radice dei cipollotti e trita la parte bianca del bulbo insieme al sedano. Riduci a filetti i primi 4 cm di foglie di un cipollotto, tagliali a metà e mettili da parte.
  4. Scarta il picciolo e i semi del peperoncino, taglialo a filetti sottili e fallo rosolare in 4 cucchiai d’olio col trito di cipollotti e sedano, bagna col succo d’arancia che hai messo da parte e appena inizia a bollire aggiungi i gamberi e saltali per un minuto. Regola di sale e pepe, spegni il fuoco e mescolali delicatamente con le fette di arancia, i filetti di foglie di cipollotto e i germogli.

©foto Marino Visigalli

il mio libro “Peperoncini 32+1 varietà da scoprire” foto di Marino Visigalli, Nomos Edizioni

è in vendita in libreria e online su Amazon e IBS

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x