Fare il pane non è difficile, bisogna solo seguire dei piccoli accorgimenti, fondamentali per la lievitazione: non avere fretta, coprirlo perché non formi la crosta, fare molta attenzione agli sbalzi di temperatura (non c’è bisogno di avvolgerlo in un piumino, però non aprire la finestra!) e quando è lievitato maneggiare con cura le teglie che si mettono in forno, perché se prendono dei colpi il pane “si sgonfia”…

Questi panini li ho fatti con la farina Sette Effe del Mulino Marino (un mix di grano tenero, grano duro, segale, farro, mais, riso e grano saraceno, tutti bio e macinati a pietra naturale), è un po’ che volevo provarla e devo dire che il risultato è stato eccellente. Se non la trovi puoi sostituirla con farina Tipo 1, il gusto sarà buono ma certamente diverso.

© Panini 7 Effe con emmentaler e anacardi

Panini 7Effe con Emmentaler e anacardi

1 kg di farina Sette Effe
25 g di lievito di birra
1 cucchiaino di zucchero
160 g di Emmentaler grattugiato
100 g di anacardi non salati
65 g di burro
20 g di sale, olio extravergine di oliva

1.    Scalda 550 cl d’acqua fino a quando è tiepida e utilizzane un bicchiere per sciogliere il lievito. Sciogli il sale nell’acqua rimasta.
2.    Se hai un robot per impastare (tipo planetaria) versa la farina nel tazzone, unisci lo zucchero e il lievito e mettila in funzione alla velocità minima. Versa poco alla volta metà dell’acqua, poi aggiungi il burro ammorbidito e l’acqua rimasta. Infine unisci l’emmentaler e gli anacardi e impasta per 2 minuti.
3.    Se impasti a mano versa la farina a fontana sul piano di lavoro, fai un incavo al centro e versateci lo zucchero e il lievito. Impasta con una sola mano in modo da avere l’altra libera. Versa via via l’acqua e aggiungi il burro ammorbidito. Appiattisci l’impasto e cospargilo con il formaggio, lavora la pasta e appiattiscila nuovamente cospargendola di anacardi. Impasta ancora per un paio di minuti.
4.    Ungi una ciotola abbastanza ampia da contenere la pasta lievitata (raddoppierà), mettici la pasta e ungila in superficie con un filo d’olio, coprila con pellicola per alimenti e lasciala lievitare per un’ora e mezza lontana dalle correnti d’aria.
5.    Riprendi la pasta, lavorala brevemente e forma un filone. Staccane dei pezzetti del peso di 60 g (usa la bilancia elettronica e per non sporcarla coprila con pellicola trasparente) e modellali a forma di pallina.
6.    Trasferiscili su teglie foderate con carta oleata, coprili con pellicola per alimenti e lasciali lievitare per un paio d’ore.
7.    Cuocili in forno preriscaldato a 200° per mezz’ora. Sfornali e lasciali raffreddare su una gratella da pasticceria.

———

©Foto mie

Props Stylist | Ornella Rota

Props | Semeraro, tovaglietta marrone bruciato | Tessilarte, tovaglia di lino verde

Per chi vuole approfondire:

farina Sette Effe del Mulino Marino

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x