Volevo che questa minestra avesse i colori e i sapori freschi della primavera, così ho scelto i toni del verde e ingredienti ricchi di vitamine e nutrienti, come la pasta alla spirulina.

La spirulina è un superfood particolarmente ricco di proteine e vitamine del gruppo B, ho conosciuto chi la coltiva in Italia e te ne parlerò presto in un post. I germogli puoi coltivarli in casa, questi di ravanello sono pronti in meno di una settimana: contengono molta vitamina C e aggiungono una leggera piccantezza, che in questa minestra sta molto bene col gusto delicato delle verdure primaverili.

Minestra di Primavera, la mia Monday Soup #16 | ©foto Sandra Longinotti

Minestra di primavera

per 4 persone

250 g di patate
4 piccole zucchine chiare
1 porro
2 cipollotti rossi di Tropea
100 g di pisellini sgusciati freschi (o surgelati)
100 g di fagiolini
80 g di pici alla spirulina
germogli di ravanello
sale, pepe bianco, olio evo toscano

  1. Stacca il picciolo dei fagiolini, tagliali prima nel senso della lunghezza e quindi a metà. Sbuccia le patate e riducile e tocchetti, taglia le zucchine e il porro in 4 nel senso della lunghezza e poi affettali. Affetta i cipollotti.
  2. Spezza la pasta alla spirulina fra le mani e cuocila insieme alle verdure in un litro d’acqua bollente salata per 15 minuti circa.
  3. Versa la minestra nei piatti fondi, aggiungi i germogli, pepe appena macinato e un filo d’olio.

©Foto mie

Props | L’Opificio velluto turchese scuro 100% seta | Mario Luca Giusti vassoio Gioconda in synthetic crystal bianco | tumbler Double Face petrolio | tumbler Double Face bianco | KnIndustrie cucchiaio Brick Lane stone washed | piatto fondo Assiette D’O

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Killer dov’era il Plastic. Da disco a ristorante cocktail bar. A Milano.

C’era una volta il Plastic. Coda permanente e selezione inflessibile all’ingresso, punk music assordante, luci psichedeliche e sempre così pieno che spesso restava solo il pavimento per sedersi a bere qualcosa. Lo chiamavamo tutti Plastic ma il suo vero nome era Killer Plastic. Poi sette anni fa la discoteca si è trasferita, e quei locali […]

Scopri di più

Il Risotto al Pomodoro dei Costardi Bros e il cucchiaio Gio Ponti

Almeno ogni vent’anni bisognerebbe rivedere alcune regole di Bon Ton. Marchesi sdoganò la scarpetta rendendola elegante, Cedroni e Bottura  introdussero show cooking che finivano col leccarsi le dita… “chessarà” quindi mangiare il risotto col cucchiaio?  Da tempo solo un piacere. Lo sanno bene Christian e Manuel Costardi, che agli eventi ti mettono in mano un barattolo […]

Scopri di più

x