A El Molin, il ristorante dello chef Alessandro Gilmozzi, il Pin tonic accompagna – anzi segue – il dessert Border-line.

Pin Tonic, di Alessandro Gilmozzi | ©foto Sandra LonginottiPin Tonic

ghiaccio 100 ml acqua tonica 25 ml gin 1 pignetta di pino

Pin Tonic - step 1 e 2, di Alessandro Gilmozzi | ©foto Sandra Longinotti

step 1 –  mettere la pignetta dentro al bicchiere

step 2 –  aggiungere il ghiaccio

Pin Tonic - step 3 e 4, di Alessandro Gilmozzi | ©foto Sandra Longinotti

step 3 –  versare il gin

step 4 –  infine aggiungere l’acqua tonica, e mescolare facendo un solo giro

©Foto mie

per chi vuole approfondire:

il mio post sul ristorante El Molin

Share_on

Un pensiero riguardo “Pin Tonic, di Alessandro Gilmozzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Monday Soup #3 – Vellutata di porri con polpettine di maiale, nocciole e cranberry

La morbidezza di questa vellutata di porri contrasta piacevolmente con le diverse consistenze delle micro polpettine, delle nocciole tostate e dei cranberry disidratati, che riprendono parte della loro morbidezza a contatto con la crema di verdure. Anche i sapori si alternano fra la dolcezza dei porri, il gusto deciso e speziato delle polpettine, il calore […]

Scopri di più

x