Questa ricetta delle tigelle è fra quelle che Massimo Bottura ha preparato quando Giando ed io siamo andati a casa sua per il servizio di cucina che abbiamo realizzato per Grazia. Per motivi di spazio non è stata pubblicata sulla rivista, ma queste tigelle erano talmente buone che non avrei potuto privarvene!

© Massimo Bottura prepara le tigelle e ne dedica un piatto a Paolo Marchi

Tigelle

Per 6-8 persone

1 kg di farina
sale
50 g di lievito di birra
2 cucchiaini di zucchero
2,5 dl di latte

1.    Versate la farina a fontana sul piano di lavoro, distribuite 4 cucchiaini di sale sulla parte più esterna in modo che non venga subito a contatto col lievito. Sbriciolate al centro il lievito di birra, aggiungete lo zucchero e versate poco alla volta il latte tiepido mescolato con altrettanta acqua tiepida.
2.    Impastate il tutto per qualche minuto, formate una palla e lasciatela lievitare in una ciotola per tre ore coperta da un canovaccio.
3.    Riprendete quindi l’impasto, stendetelo e ricavatevi dei tondi di circa 6 cm, lasciateli lievitare coperti per un’altra mezz’ora e cuoceteli in una tigelliera.
4.    Servite le tigelle caldissime con prosciutto crudo, salame nostrano e mostarda di mele campanine.

—-

©Foto mie

per chi vuole approfondire:
Osteria Francescana di Massimo Bottura

Share_on

2 pensieri riguardo “Tigelle di Massimo Bottura

  1. IL mio commento su Bottura ? emozionante nella sua cucina ed emozionante come uomo ,Massimo e’ un grande chef ma a differenza di molti un grande uomo ,la sua semplicita’ traspare in tutte le sue forme ,un uomo ancora capace di emozionarsi …. l’intervista a Parigi come migliore chef del mondo …lascia trapelare una gioia infinita ,ma anche una emozione infinita e da una persona cosi’ c’e’ da spettarsi grandi cose !!! Se poi vogliono parlare di emozioni devo dire che nell’edizione n.1 di pasta trend ,quando in molti sono venuti a complimentarsi con il team di Miss Tagliatella ,quando la mano di Bottura ha strinto la mia …. credevo di svenire ed i suoi complimenti li porto ancora nel cuore ,grazie maestro grazie della sua generosita ‘…

  2. eh sì… anche al telefono massimo ti prende per mano e ti porta a fluttuare nelle sue emozioni, che crescono insieme al racconto, si fermano, ripartono, prendono altre strade… proprio un viaggio affascinante!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Gnudi al pomodoro

Questa per me è proprio una ricetta che sa di casa. Eppure l’ho riscoperta recentemente, perché da bambina la guardavo con sospetto… consideravo gli gnudi il parente povero dei ravioli di magro, svestiti della pasta, e allora lo consideravo grave. Adesso invece, che mi sono sfidata a rimettere in discussione i miei ricordi e ho […]

Scopri di più

Semifreddo al caffè

Se è semplice, veloce e buonissimo si chiede la ricetta. E’ la storia di questo Semifreddo al caffè che faceva mia zia Anna in estate, lei era davvero bravissima in cucina, peccato che abitassimo lontane altrimenti sono sicura che avremmo condiviso la passione per la cucina. Adesso ogni volta che preparo questo semifreddo e la […]

Scopri di più

Torta di Crêpes

Il mio primo corso di cucina l’ho fatto a diciott’anni nella prima scuola per appassionati aperta a Milano, e anche se il nome vintage di questa ricetta può farti sorridere, ti assicuro che ai tempi in cui le sorelle Landra me l’anno insegnata (è loro la scuola “La Nostra Cucina”) le crêpes dolci erano molto […]

Scopri di più

x