La trippa o piace da morire o ripugna. Le trippe di baccalà ancora di più, perché in bocca danno una sensazione un po’ “scivolosa” che non è gradita a tutti. Però è la parte più pregiata del baccalà, non è semplicissima da reperire ed è molto di moda… assaggiala almeno una volta, fosse solo per curiosità.

 

Trippe di baccalà al pomodoro

per 4 persone

8 trippe di baccalà già dissalate
400 g di pomodorini
4 scalogni
1 spicchio d’aglio
1 ciuffo di prezzemolo
olio extravergine di oliva, sale, pepe bianco

1.    Pulite le trippe di baccalà eliminando tutti i filamenti scuri, sciacquatele e tagliatele a listarelle dello spessore di un dito.
2.    Tritare l’aglio, gli scalogni e il prezzemolo e fateli dorare in 3 cucchiai d’olio. Prima che prendano colore aggiungete le trippe e fatele insaporire, poi unite i pomodorini tagliati a spicchi e cuocete a fiamma media per una decina di minuti o fino a quando sono morbide. Fate attenzione a non cuocerle troppo perché oltre al giusto punto di cottura le trippe iniziano a sciogliersi.
3.    Servite con pane tostato.

——

©Foto mia

Styling Ornella Rota

Si ringrazia:
Naturalmente per il fondo di carta

Rina Menardi per le ciotole

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

x