Emanuela Gianoglio coltiva e lavora la Nocciola Tonda Gentile igp in provincia di Cuneo.

La sua azienda agricola è in attesa della certificazione bio, le carte le ha già consegnate tutte l’anno scorso ma sapete che per ottenerla ci vogliono 3 anni dall’iscrizione…

Mentre aspetta continua a lavorare come sempre, in modo del tutto naturale e senza pesticidi. La qualità c’è tutta, basta assaggiare una sua nocciola. Quella cruda, solo sgusciata, è da provare.  E’ uno di quei sapori “di una volta” che si apprezzano col tempo, da masticare a lungo, e che alla fine ti lasciano la bocca pulita mentre il gusto persiste.

Dalle nocciole crude (ma anche da quelle tostate) estrae a freddo l’olio di nocciola. Dalla spremitura resta una cialda, praticamente la polpa delle nocciole. Potrebbe sembrare un prodotto poco interessante, invece essendo priva di grassi una volta trasformata in farina (la trovate già pronta e si chiama farina di cialda cruda)  si può utilizzare per fare il pane e torte più leggere (ma in questo caso dovete aggiungere del burro per compensare la mancanza di grassi), ma quello che mi è sembrato ancora più interessante è che si usa per impanare: non contenendo olio aderisce meglio al cibo (e non contiene glutine).

© nocciole tostate e farina di nocciole tostate dell'Az. Agr. Gianoglio Emanuela

Gli altri prodotti che potete acquistare da lei: nocciole tostate intere, granella di nocciole tostate, farina di nocciole tostate e una golosa crema di nocciole tostate e macinate a pietra con una macchina speciale che consente di mescolare la fibra e l’olio.

Ho comprato le nocciole tostate (ahimé, troppo tentatrici… me n’è pure caduta una in terra e ci ho soffiato sopra…) che vedete in foto con la farina di nocciole tostate (che ho usato per fare la torta di nocciole), l’olio e la farina di cialda cruda che devo ancora provare.

Foto mia

per chi vuole approfondire:
Az. Agricola Gianoglio Emanuela

Props Stylist | Ornella Rota

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Il Risotto al Pomodoro dei Costardi Bros e il cucchiaio Gio Ponti

Almeno ogni vent’anni bisognerebbe rivedere alcune regole di Bon Ton. Marchesi sdoganò la scarpetta rendendola elegante, Cedroni e Bottura  introdussero show cooking che finivano col leccarsi le dita… “chessarà” quindi mangiare il risotto col cucchiaio?  Da tempo solo un piacere. Lo sanno bene Christian e Manuel Costardi, che agli eventi ti mettono in mano un barattolo […]

Scopri di più

x