I germogli di crescione sono semplici ma complicati, nel senso che se non conosci l’inghippo non nascono…

Vale la stessa regola per quelli di rucola, lino e basilico, per parlare dei semi mucillaginosi che più facilmente avrete voglia di far crescere.

Il problema è che a contatto con l’acqua formano una sostanza gelatinosa che li avvolge formando una pellicola idrorepellente, quindi questi semi non vanno lasciati a bagno la classica mezza giornata ma si fanno rinvenire solo qualche minuto in acqua fredda, si scolano e si mettono nel recipiente prescelto.

crescione_spray

E’ la stessa gelatina che manterrà l’umidità necessaria che occorre ai semi nei primi giorni, quindi all’inizio bagnate pochissimo usando uno spruzzino e man mano che la mucillagine viene assorbita e i semi iniziano a germogliare aumentate la quantità d’acqua. Per il resto sono valide tutte le informazioni per far germogliare gli altri tipi di semi (per un ripasso cliccate qui).

In linea di massima crescione, lino e rucola germogliano in 4-6 giorni mentre al basilico ne occorrono una decina.

Buona coltivazione!

©Foto mie

Share_on

5 pensieri riguardo “Germogli di Crescione

  1. ciao, sono alle prese anch’io con i germogli di crescione e non sapendo dell’inghippo li ho, aimè, lasciati a bagno! Per diversi giorni allora non li ho bagnati e ora ho notato che la gelatina si sta assorbendo (a proposito, è normale che emanino un … odore poco attraente??) quindi ho ricominciato a bagnarli con lo spruzzino. Vedo che qualcosa si sta muovendo, speriamo bene. Ma la mia domanda è: una volta germogliati come quelli nella tua foto (3-4 cm circa, giusto?) vanno tagliati via dal semino e radichetta o si mangia anche questi?

  2. Personalmente li mangio molto prima che escano fuori tante foglioline.
    A mio parere quelle che vedo in foto sono pronte realmente per essere interrate e generare la vera e propria pianta.
    Per il resto ottimo consiglio quello che dà l’autore del blog per il crescione e il lino.
    Ciao :)

  3. @marina dipende da quanto li hai lasciati a bagno, ma se è più di 5 minuti mi sa che ormai il guaio sia fatto… la gelatina col tempo asciuga e sembra vetrifichi il tutto impedendo ai germogli di crescere. ti conviene ripartire da zero. invece le radichette le puoi mangiare, così come le cuticole dei semi. io solitamente le taglio per un senso estetico, a meno che non siano germogli di alfa alfa, talmente filiformi che non mi disturbano. ma ripeto, è solo per un senso piacevolezza estetica. per l’odore poco attraete sì, è tipico del crescione.
    @andy è vero che ogni germoglio ha una sua lunghezza ideale che corrisponde anche al massimo contenuto di nutrienti, per il crescione mi risulta sia fra i 2 e i 4 cm quindi pienamente nel tuo e mio range di crescita. io amo che si carichino di clorofilla che è molto salutare per il nostro organismo, e lascio che si trasformino in piccolo prato bonsai, anche perché quando passo in cucina adoro accarezzarli…

  4. Pingback: URL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x