Cuochi in gara e i loro coach_Bocuse d'Or Europe 2014, Stoccolma | ©Sandra LonginottiNon ho mai visto così tanti cuochi tutti insieme, tutti impeccabili in candida divisa e cappellone da chef, tutti concentratissimi sulla ricetta da eseguire (e piantonati dal personal Coach che, vi assicuro, fa la guardia) per quella che è una delle più prestigiose competizioni internazionali di cucina: il Bocuse d’Or, ideato nel 1987 da Paul Bocuse per i soli professionisti e che prevede la realizzazione dei piatti in pubblico, quello che adesso chiamiamo familiarmente show cooking trent’anni fa era innovazione.

Cuochi e coach_Bocuse d'Or Europe 2014, Stoccolma | ©Sandra Longinotti

Il Bocuse d’Or si svolge ogni due anni. Domani inizia la finale a Lione con i 24 chef che hanno passato le 60 selezioni nazionali più le 3 continentali (Europa, Asia-Pacifico e America Latina) del biennio: per noi il Bocuse d’Or Europe, le finali europee che l’anno scorso si sono tenute in Svezia nella Stockholmsmassan di Stoccolma.

Una competizione davvero particolare, dove viene messa a dura prova la grande professionalità dei cuochi partecipanti, sottoposti a un notevole stress da prestazione mentre di fatto sono anche parte di uno spettacolo con tanto di presentatori che dura tutto il giorno fra luci, suoni, fischi, stacchetti di musica e attenzioni di un pubblico “appassionato”, fornito di bandierine del proprio Paese ma anche di fischietti e vuvuzela… circondati da tanto clamoroso affetto i cuochi devono mantenere la concentrazione sulla loro scaletta di ricette che prosegue con tempistica chiara, cadenzata anche dal cronometro alle loro spalle, e dai coach che sono lì per supportarli.

Il tifo durante la manifestazione_Bocuse d'Or Europe 2014, Stoccolma | ©Sandra LonginottiLo chef Diego Rigotti in gara per l'Italia_Bocuse d'Or Europe 2014, Stoccolma | ©Sandra Longinotti

Diego Rigotti, il nostro candidato italiano, non ce l’ha fatta a passare la selezione continentale e il Bocuse d’Or Europe si è concluso con la vittoria della Svezia con lo chef Tommy Myllymäki, al secondo posto la Danimarca e al terzo la Norvegia, nazioni che negli ultimi 25 anni si sono sempre alternate sul podio dei vincitori giocandosela con la Francia. Fra due giorni sapremo chi indosserà le medaglie del Bocuse d’Or 2015!

la foto scattata col mio ipad e il "fischietto ufficiale" per il tifo ;) - Cuochi e giurati_Bocuse d'Or Europe 2014, Stoccolma | ©Sandra Longinotti

©Foto e video miei

per chi vuole approfondire:

Bocuse d’OrL'annuncio della vincita della Svezia_Bocuse d'Or Europe 2014, Stoccolma | ©Sandra Longinotti

NOTA del 28 gennaio 2015

I vincitori del Bocuse d’Or 2015: Oro alla Norvegia | chef Orjan Johannessen – Argento agli USA | chef Philip Tessier – Bronzo alla Svezia | chef Tommy Myllymäki

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x