Mattia Vezzola è l’enologo di Bellavista da trent’anni, l’ho conosciuto un paio d’anni fa alla presentazione della Vendemmia 2004 Riserva Vittorio Moretti, una cuvée di Chardonnay e Pinot Nero in percentuale quasi identica,  prodotta unicamente nelle annate eccezionali con uve raccolte in alcuni dei migliori cru di Franciacorta, tanto che Vittorio Moretti l’ha siglata col suo nome (e l’anno scorso è uscita in limited edition Teatro alla Scala, “vestita” con le note dello spartito del Lohengrin).

© Mattia Vezzola racconta la piacevolezza del bere brindando col Franciacorta Bellavista Vittorio Moretti 2004 (©foto Sandra Longinotti)

In quell’occasione abbiamo chiacchierato anche della piacevolezza del bere, un concetto che sembrerebbe scontato e su cui invece vale la pena soffermarsi. Per dare al vino i suoi veri meriti e berlo nel modo più piacevole bisogna servirlo nel modo giusto, soprattutto quando si tratta di delicate bollicine come quelle del Franciacorta. Queste sono le 3 semplici regole di Mattia Vezzola:

  1. La forma del bicchiere è importantissima: l’ideale è un calice di medie dimensioni ‘forma Franciacorta’.
  2. Mettete in frigo la bottiglia per un paio d’ore, poi trasferitela nel secchiello con acqua e ghiaccio e aggiungete 2 cucchiai di sale grosso. Il Franciacorta deve essere servito a 4 gradi di temperatura, perché raggiunge i 6° grado nel bicchiere e dopo un minuto è già a 8°. E’ meglio far passare un minuto aspettando che il vino raggiunga la temperatura gradita, che partire col vino già troppo caldo perché quando supera i 9 gradi si perde la piacevolezza del bere.
  3. La spuma è fatta di bollicine, quando si versa il vino nel bicchiere bisogna farlo lentamente, senza superare i due centimetri di spuma.

come si versa il Franciacorta (©foto Sandra Longinotti)

©Foto mie

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x