Il cotechino è un must del primo dell’anno, e a chi lo prepara solo in quell’occasione è facile sorga qualche dubbio…

Per questo l’anno scorso ho pubblicato sulla mia pagina facebook questo pratico promemoria, un sintetico evergreen di come si cuoce il cotechino che ripropongo qui, dove è più facile ritrovarlo:

PESO: calcolane 500 g ogni 4 persone

PREPARAZIONE: punzecchialo con un ago, avvolgilo in un telo di cotone o lino naturale e lega le estremità con refe da cucina.

COTTURA: mettilo a cuocere in una pentola coperto d’acqua fredda,

– appena raggiunge il bollore abbassa la fiamma e lascialo sobbollire per 2 ore e mezza/tre,

– quando è cotto spegni il fuoco e lascialo riposare 5 minuti prima di estrarlo dall’acqua.

SERVIZIO: taglia il refe con le forbici, srotola il telo delicatamente e affetta il cotechino.

CONTORNO: il cotechino ha assolutamente bisogno di un contorno, gli abbinamenti tradizionali sono: lenticchie in umido (un must del primo dell’anno, porta bene!), purè di patate, spinaci al burro e parmigiano, salsa verde.

 

Per il VINO in abbinamento ho chiesto a Cristiano Cini, Sommelier, Presidente AIS Toscana e Direttore di Wine TV, che me ne ha consigliati sei:

  • D’Araprì brut Riserva Nobile 2015 metodo classico IGP Daunia Bombino Bianco
  • Pesca Rosa 2018 IGP Elda Cantine rosato pugliese da Nero di Troia
  • Costa d’Amalfi DOC Tramonti Rosato 2018 Giuseppe Apicella
  • F2 Freisa di Benito Favaro
  • Dudes Spumante Brut Rosato, freisa Charmat di Vittorio Marco Adriano
  • Bonarda dell’Oltrepò Pavese DOC frizzante Vaiolet 2018 Monsupello

Grazie Cristiano, e buon Anno a tutti!

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x