Budini, panna cotta, aspic sono tanto facili quanto belli, se poi si scelgono degli stampi lavorati l’effetto finale migliora. Il composto segue ogni curva e solidificando risulta perfettamente modellato… perfettamente sì, sempre che si riesca a sformare!

Allora via con l’immersione nell’acqua calda, non troppo perché altrimenti si scioglie, non troppo poco perché resta mezzo attaccato e si rompe… la frattura è il terrore di quel momento. C’è anche il trucco del soffio: se si riesce a far entrare l’aria soffiando vicino al bordo il gioco è fatto. Però non riesce sempre… e allora?

Ed ecco che Guardini propone gli stampi Dino Salvabudino, il nome fa ridere ma funziona :)

Si toglie il tappo più piccolo, entra l’aria e stacca il budino dalle pareti dello stampo, addio soffio!

stampo Dino Salvabudino di Guardini

DOVE SI TROVA: punti vendita sul sito Guardini

PIESSE: il tappo più grande serve per coprirlo per benino quando si mette in frigo o si porta a casa di amici

(o si infila nella borsa da pic-nic, perché no?)

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Il Risotto al Pomodoro dei Costardi Bros e il cucchiaio Gio Ponti

Almeno ogni vent’anni bisognerebbe rivedere alcune regole di Bon Ton. Marchesi sdoganò la scarpetta rendendola elegante, Cedroni e Bottura  introdussero show cooking che finivano col leccarsi le dita… “chessarà” quindi mangiare il risotto col cucchiaio?  Da tempo solo un piacere. Lo sanno bene Christian e Manuel Costardi, che agli eventi ti mettono in mano un barattolo […]

Scopri di più

x