Questa crema di zucca con roveja che ha tanto sapore ma pochissimi ingredienti, mi fa tornare in mente la mia rubrica su Grazia “Un, due, tre” dove ogni ricetta poteva avere solo 3 ingredienti. E’ stato un bell’esercizio, perché il risultato oltre che buono doveva essere anche bello. Bene, dopo quella “palestra” assicuro che si-può-fare: la lista della spesa per questa Monday Soup è brevissima, senza togliere nulla al risultato :)

Se non si usa la zucca per preparare un dessert, la sua dolcezza ha bisogno di essere contrastata da un sapore deciso. E la roveja, un gustoso parente del pisello, “ci sta a pennello”, anche perchè aggiunge in più la sua bella consistenza.
E’ un legume antico poco diffuso, che sopporta le temperature dell’appennino umbro marchigiano dove viene coltivata: la Roveja di Civita di Cascia, che è un Presidio Slow Food, cresce fra i 600 e i 1.200 metri di altitudine. Si può mangiare fresca, ma essiccata ha un contenuto proteico molto più elevato. Si semina all’aperto in marzo, è una pianta rustica che chiede poca acqua e può crescere anche in vaso sul balcone. Fa fiori bicolori molto graziosi rosa e porpora, i baccelli maturano in estate e i semi seccando assumono tante tonalità diverse di verde, grigio e marrone.

Crema di Zucca e roveja, un legume antico | ©foto Sandra Longinotti

Crema di zucca con Roveja

per 4 persone

200 g di Roveja
1 kg di zucca, preferibilmente Butternut
3 rametti di rosmarino (e fiori se ci sono)
2 spicchi d’aglio
sale, pepe nero, olio extravergine di olive Taggiasche

  1. Metti a bagno la Roveja per mezza giornata, poi cuocila per 4 ore in acqua fredda non salata utilizzando preferibilmente in una pentola di coccio, o per 40 minuti in pentola a pressione. Aggiungi il sale a fine cottura.
  2. Sbuccia la zucca, elimina i semi e le nervature interne e cuocila tagliata a pezzi in 8 dl d’acqua salata. Quando è morbida frulla il tutto.
  3. Nel frattempo scalda 6 cucchiai d’olio con l’aglio schiacciato e le cimette di rosmarino, prima che inizi a soffriggere spegni il fuoco e lascia raffreddare. Ripeti l’operazione tre volte.
  4. Versa la crema di zucca nei piatti individuali, distribuisci sopra la roveja, condisci con l’olio al rosmarino, spolvera di pepe appena macinato e aggiungi i fiori di rosmarino se li hai.

©Foto mie

Props | Retorta tovaglietta americana con frangia | Mario Luca Giusti piatti | KnIndustrie posate Brick Lane black

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Gnudi al pomodoro

Questa per me è proprio una ricetta che sa di casa. Eppure l’ho riscoperta recentemente, perché da bambina la guardavo con sospetto… consideravo gli gnudi il parente povero dei ravioli di magro, svestiti della pasta, e allora lo consideravo grave. Adesso invece, che mi sono sfidata a rimettere in discussione i miei ricordi e ho […]

Scopri di più

Semifreddo al caffè

Se è semplice, veloce e buonissimo si chiede la ricetta. E’ la storia di questo Semifreddo al caffè che faceva mia zia Anna in estate, lei era davvero bravissima in cucina, peccato che abitassimo lontane altrimenti sono sicura che avremmo condiviso la passione per la cucina. Adesso ogni volta che preparo questo semifreddo e la […]

Scopri di più

Torta di Crêpes

Il mio primo corso di cucina l’ho fatto a diciott’anni nella prima scuola per appassionati aperta a Milano, e anche se il nome vintage di questa ricetta può farti sorridere, ti assicuro che ai tempi in cui le sorelle Landra me l’anno insegnata (è loro la scuola “La Nostra Cucina”) le crêpes dolci erano molto […]

Scopri di più

x