Faccio questa torta alle arance da quando ero ragazzina, è semplicissima e così buona che fa fare sempre bella figura.

L’ho pubblicata su Elle tanti anni fa ed è la preferita di Laura, ai tempi la maestra di mio figlio, che non mangia dolci durante la Quaresima. Così in questo periodo, quando andavo a prenderlo all’asilo gliene portavo una per Pasqua, fatta con le ultime arance della stagione, le mie preferite: Tarocco, rosse e siciliane. Ma è buonissima anche con quelle bionde.

Torta all'arancia | ©foto Sandra Longinotti

Torta alle arance

per 6-8 persone

300 g zucchero

180 g burro

3 uova

4 arance non trattate

150 g farina di farro bianca bio macinata a pietra

30 g maizena

8 g lievito (mezza bustina)

  1. Monta il burro ammorbidito con 170 g di zucchero. Incorpora il succo di un’arancia e la scorza grattugiata di 2 arance, le uova, e infine la farina e la maizena setacciate con il lievito.
  2. Versa il composto in una teglia del diametro di 22 cm foderata con carta oleata e cuoci in forno preriscaldato a 150° per 45 minuti circa.
  3. Mentre cuoce il dolce fai sobbollire lo zucchero rimasto col succo filtrato di 3 arance.
  4. Sforma la torta rovesciandola su un vassoio di portata, stacca la carta da forno, versa sul dolce lo sciroppo d’arancia caldo e distribuiscilo uniformemente sulla superficie.
  5. Lascia raffreddare la torta alle arance prima di servirla, ma se sei impaziente è buona anche tiepida.

NOTA:  Se non hai la maizena sostituiscila con altrettanta farina (che diventerà quindi 180 g in totale) e se non hai la farina di farro bianca usa quella di grano tenero. Per una glassatura rosso intenso ci vogliono le arance Tarocco.


©foto Sandra Longinotti

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

L’Idromiele di Andrea

Idromele, la bevanda ancestrale ottenuta dalla fermentazione del miele diluito in acqua, sta diventando di moda. E non possiamo che rallegrarcene, Odino sosteneva addirittura che rendesse saggi…! Conosco Andrea Paternoster e i suoi Mieli Thun da tantissimi anni, sono stata da lui in Trentino, siamo andati nel bosco a curiosare nelle sue arnie, mi ha […]

Scopri di più

x