Ma guarda che disastro ha combinato in cucina quel delinquente del nostro famelico gatto #Gecchio per mangiarsi la farina di castagne!

Meno male che me ne ha lasciata un po’ per fare questa torta buonissima [senza glutine], ispirata a quella di mia zia Anna.

Che puoi fare anche senza cioccolato.

 

l'attacco di #Gecchio al sacchetto della farina di castagne | ©foto Sandra Longinotti

Torta di farina di castagne, cioccolato bianco e mele

3 uova

10 g di lievito vanigliato

125 g di burro

100 g di zucchero semolato

150 g di farina di castagne

100 g di cioccolato bianco

1 dl di latte

1 mela croccante

1 cucchiaino di zucchero a velo

  1. Monta gli albumi a neve con il lievito.
  2. Grattugia il cioccolato.
  3. Monta il burro ammorbidito con lo zucchero fino a quando diventa bianco e soffice, quindi aggiungi la farina di castagne, il latte freddo, il cioccolato e i tuorli.
  4. Sbuccia la mela, scarta il torsolo e affettala a spicchietti.
  5. Incorpora gli albumi mescolando dal basso verso l’alto per non smontarli. Versa il composto in una teglia del diametro di 22 cm, affonda nell’impasto gli spicchi di mela  e cuoci la torta in forno preriscaldato a 175° per 45 minuti.
  6. Sforma il dolce, lascialo intiepidire e spolverizzalo di zucchero al velo.

 

©Foto mie

 

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Killer dov’era il Plastic. Da disco a ristorante cocktail bar. A Milano.

C’era una volta il Plastic. Coda permanente e selezione inflessibile all’ingresso, punk music assordante, luci psichedeliche e sempre così pieno che spesso restava solo il pavimento per sedersi a bere qualcosa. Lo chiamavamo tutti Plastic ma il suo vero nome era Killer Plastic. Poi sette anni fa la discoteca si è trasferita, e quei locali […]

Scopri di più

Il Risotto al Pomodoro dei Costardi Bros e il cucchiaio Gio Ponti

Almeno ogni vent’anni bisognerebbe rivedere alcune regole di Bon Ton. Marchesi sdoganò la scarpetta rendendola elegante, Cedroni e Bottura  introdussero show cooking che finivano col leccarsi le dita… “chessarà” quindi mangiare il risotto col cucchiaio?  Da tempo solo un piacere. Lo sanno bene Christian e Manuel Costardi, che agli eventi ti mettono in mano un barattolo […]

Scopri di più

x