Una foglia caduta dall’albero, cosa ti fa venire in mente?
Questa è una foglia di magnolia, ma può diventare qualcos’altro. Invece di lasciarla decomporre a terra puoi raccoglierla e trasformarla in un’etichetta per piante, le tue: scrivici sopra il nome della specie con un pennarello indelebile, trafiggi la foglia con uno stecchino di legno per spiedini e infilalo nel terreno vicino alla pianta, o dove l’hai seminata. E’ soprattutto quando si semina che diventa cruciale mettere le etichette, al momento si pensa che ci si ricorderà tutto ma non succede mai, prima che germoglino ci si è già dimenticati dove si è seminato cosa!

Le foglie di magnolia, grandi e coriacee, sono adattissime a diventare etichette per piante | ©foto Sandra Longinotti

La foglia di magnolia è particolarmente adatta a diventare un’etichetta per piante perché è grande e coriacea, in più è di un albero ornamentale che trovi facilmente in città. A Milano ci sono moltissime magnolie e quando perdono le foglie (cioè costantemente, ognuna ha un ciclo di vita di due anni) riempiono i marciapiedi, quindi puoi trovare facilmente tanto materiale da riutilizzare.

Le foglie grandi e spesse, come quelle di magnolia, sono ottime da utilizzare come etichette per piante | ©foto Sandra Longinotti

Allo stesso modo, oltre alle foglie puoi trasformare tanti altri oggetti in etichette per piante: invece di buttarli vanno benissimo i tappi di sughero (sempre infilati in uno stecchino di legno), ma anche le posate compostabili usate sembrano fatte apposta, i sassi… e ancora le mollette dei panni da attaccare ai rametti, quelle di legno che si mimetizzano nella vegetazione… se non ti succede già, inizierai a guardare le cose sotto un altro punto di vista, sicuramente divertente ma anche utile a evitare gli sprechi.

L’idea delle foglie di magnolia è del Vivaio F.lli Gramaglia, le usa sempre quando espone nei mercatini botanici come Orticola (la foto del cardo mariano l’ho scattata lì), e tu cosa utilizzi come etichette per le tue piante?

©foto Sandra Longinotti

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Gnudi al pomodoro

Questa per me è proprio una ricetta che sa di casa. Eppure l’ho riscoperta recentemente, perché da bambina la guardavo con sospetto… consideravo gli gnudi il parente povero dei ravioli di magro, svestiti della pasta, e allora lo consideravo grave. Adesso invece, che mi sono sfidata a rimettere in discussione i miei ricordi e ho […]

Scopri di più

Semifreddo al caffè

Se è semplice, veloce e buonissimo si chiede la ricetta. E’ la storia di questo Semifreddo al caffè che faceva mia zia Anna in estate, lei era davvero bravissima in cucina, peccato che abitassimo lontane altrimenti sono sicura che avremmo condiviso la passione per la cucina. Adesso ogni volta che preparo questo semifreddo e la […]

Scopri di più

Torta di Crêpes

Il mio primo corso di cucina l’ho fatto a diciott’anni nella prima scuola per appassionati aperta a Milano, e anche se il nome vintage di questa ricetta può farti sorridere, ti assicuro che ai tempi in cui le sorelle Landra me l’anno insegnata (è loro la scuola “La Nostra Cucina”) le crêpes dolci erano molto […]

Scopri di più

x