Una foglia caduta dall’albero, cosa ti fa venire in mente?
Questa è una foglia di magnolia, ma può diventare qualcos’altro. Invece di lasciarla decomporre a terra puoi raccoglierla e trasformarla in un’etichetta per piante, le tue: scrivici sopra il nome della specie con un pennarello indelebile, trafiggi la foglia con uno stecchino di legno per spiedini e infilalo nel terreno vicino alla pianta, o dove l’hai seminata. E’ soprattutto quando si semina che diventa cruciale mettere le etichette, al momento si pensa che ci si ricorderà tutto ma non succede mai, prima che germoglino ci si è già dimenticati dove si è seminato cosa!

Le foglie di magnolia, grandi e coriacee, sono adattissime a diventare etichette per piante | ©foto Sandra Longinotti

La foglia di magnolia è particolarmente adatta a diventare un’etichetta per piante perché è grande e coriacea, in più è di un albero ornamentale che trovi facilmente in città. A Milano ci sono moltissime magnolie e quando perdono le foglie (cioè costantemente, ognuna ha un ciclo di vita di due anni) riempiono i marciapiedi, quindi puoi trovare facilmente tanto materiale da riutilizzare.

Le foglie grandi e spesse, come quelle di magnolia, sono ottime da utilizzare come etichette per piante | ©foto Sandra Longinotti

Allo stesso modo, oltre alle foglie puoi trasformare tanti altri oggetti in etichette per piante: invece di buttarli vanno benissimo i tappi di sughero (sempre infilati in uno stecchino di legno), ma anche le posate compostabili usate sembrano fatte apposta, i sassi… e ancora le mollette dei panni da attaccare ai rametti, quelle di legno che si mimetizzano nella vegetazione… se non ti succede già, inizierai a guardare le cose sotto un altro punto di vista, sicuramente divertente ma anche utile a evitare gli sprechi.

L’idea delle foglie di magnolia è del Vivaio F.lli Gramaglia, le usa sempre quando espone nei mercatini botanici come Orticola (la foto del cardo mariano l’ho scattata lì), e tu cosa utilizzi come etichette per le tue piante?

©foto Sandra Longinotti

Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x