© le botti di Pilsner Urquell nelle Gallerie a Pilsen

Se andate a Pilsen a visitare la fabbrica la berrete nelle fresche cantine sotterranee, appena spillata dalla botte, in un’atmosfera quasi rarefatta di luce ovattata che profuma di luppolo e lieviti. Bello, buona.

© spillatura della birra cruda dalla botte - Pilsner Urquell, Pilsen

Ma se non ci andate… per la prima volta quella birra cruda non filtrata arriva in Italia [nelle botti!] con mille attenzioni (è delicatissima) per festeggiare i 170 anni di Pilsner Urquell.

© la storia di Pilsner Urquell, proiettata a Pilsen

Potete assaggiarla questo venerdì 5 Ottobre, a 170 anni precisi dalla prima cotta del mastro birraio bavarese Josef Groll (è nata allora con lui la prima “bionda”), appuntamento a Milano al The Friends (Via Monte Santo, 12) e a Roma al Circolo degli Artisti (Via Casilina Vecchia, 42).

E se poi in giro per la città incontrate uno strillone o una dama dell’ottocento che vi allunga una copia di “The Pilsen Time” del 1842… no, non vi trovate sul set di “Ritorno al Futuro 4”!

ps- i collezionisti non si faranno scappare la Limited Edition 170, la bottiglia celebrativa da litro, con etichetta dorata.

© Nelle cantine di Pilsner Urquell a Pilsen si degusta la birra cruda appena spillata dalla botte

©Foto mie

per chi vuole approfondire:

Pilsner Urquell

Share_on

Un pensiero riguardo “Cruda, per un giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Killer dov’era il Plastic. Da disco a ristorante cocktail bar. A Milano.

C’era una volta il Plastic. Coda permanente e selezione inflessibile all’ingresso, punk music assordante, luci psichedeliche e sempre così pieno che spesso restava solo il pavimento per sedersi a bere qualcosa. Lo chiamavamo tutti Plastic ma il suo vero nome era Killer Plastic. Poi sette anni fa la discoteca si è trasferita, e quei locali […]

Scopri di più

Il Risotto al Pomodoro dei Costardi Bros e il cucchiaio Gio Ponti

Almeno ogni vent’anni bisognerebbe rivedere alcune regole di Bon Ton. Marchesi sdoganò la scarpetta rendendola elegante, Cedroni e Bottura  introdussero show cooking che finivano col leccarsi le dita… “chessarà” quindi mangiare il risotto col cucchiaio?  Da tempo solo un piacere. Lo sanno bene Christian e Manuel Costardi, che agli eventi ti mettono in mano un barattolo […]

Scopri di più

x